Photogallery

Comic Con 2012, ecco Kristen Stewart: “Stavolta con Robert sono un animale”

Vi raccontiamo l’incontro con i protagonisti di Breaking Dawn Parte 2: c’erano anche Taylor Lautner e Stephanie Meyer
Giorgio Viaro - 14/07/2012
Comic Con 2012, ecco Kristen Stewart: “Stavolta con Robert sono un animale”
Il terzetto non potrebbe essere più eterogeneo. Kristen è esuberante, vitale, matura, loquace. Persino materna, quando si rivolge a Taylor e ricorda: “La prima volta che ti ho visto eri un ragazzino”. Dà risposte lunghe, sbuffa, sistema il ciuffo ramato sulla testa sempre un po’ inclinata. Riempie i buchi d’ispirazione di tutti. Indossa una semplice maglietta bianca, che la fascia stretta lungo i fianchi magri e sul seno piccolo, e una gonna gialla che si ferma due dita sopra il ginocchio.
Robert, alla sua destra, è l’esatto opposto: più che le domande, ama le battute, si inserisce a metà di una risposta altrui, confabula tra sé e sé, tiene banco con studiata incostanza. A metà di un discorso dimentica da dov’è partito, e guarda un po’ perplesso Kristen, che lo riprende fingendosi spazientita. Se gli opposti si attraggono e non è tutta una recita, sono la coppia ideale.
Taylor, infine, è il più sorridente e composto: indossa questo sorriso da quarterback universitario, scanzonato e sicuro di sé, senz’altro consapevole che la sua fortuna sono gli addominali molto più che il talento per il dramma.

L’occasione è la conferenza stampa internazionale di The Twilight SagaBreaking Dawn Parte 2, andata in scena al Comic-Con di San Diego. Accanto ai tre, di fronte alla stampa, sono seduti anche Stephenie Meyer e la piccola Mackenzie Foy, che nel film interpreta Renesmee, la figlia di Bella ed Edward.

Il più, come dicevamo, esce dalle labbra di Kristen: “Mi è piaciuto davvero vivere in questo mondo, restarci 4 anni, è qualcosa che mi tengo, che mi porterò dietro sempre. Il modo in cui mi ha cambiato come attrice è enorme, ma il modo in cui mi ha cambiato come persona è qualcosa che non potrei nemmeno iniziare a raccontare, talmente sono carica di ricordi in questo momento”.
.
Una mutazione personale coincisa con una mutazione del suo personaggio che, per usare le parole di Lautner, “da impacciata, affidabile, perfettina e quasi fastidiosa liceale, si è trasformato in una letale, sexy vampira”. E se Stephanie dice che vedere evolvere il personaggio di Bella di film in film è stata la cosa che l’ha emozionata di più, Kristen aggiunge che “essere diventata questa strana creatura era come avere improvvisamente a disposizione una macchina da corsa: avevo voglia di tirare il motore fin dove potevo”.
.
Quando poi una giornalista le chiede come cambi il sesso tra Bella ed Edward in questa seconda parte di Breaking Dawn, rispetto alla prima notte di nozze, lei non si tira indietro e tra un ghigno di imbarazzo e l’altro dice: “In Breaking Dawn Parte 1 il sesso doveva essere una sorta di esperienza rivelatoria, aliena, per Bella, quindi abbiamo cercato di farlo in modo dolce… Qui invece è come se fossimo diventati due animali, nessuno dei due è più umano: abbiamo provato qualcosa di diverso ed è stato lì che sono venuti a spiegarci che ci saremmo beccati un rating R… (ride)”.
.
Più di una domanda, infine, insiste sulla possibilità di un reboot della saga. Cosa ne penserebbero i diretti interessati? Per la Meyer “è difficile, la storia è conclusa: sarebbe forse interessante scoprire cosa ne è stato di Bella ed Edward tra vent’anni”, al che Robert le domanda scherzando: “te li immagini che divorziano per caso? Una coppia alla Mr. and Mrs. Smith?”. Mentre Kristen, pur dicendosi curiosa di scoprire cosa ne verrebbe fuori, aggiunge: “Il finale della saga, così com’è, è dolcissimo, pienamente soddisfacente, ideale, qualcosa che ti fa stare bene: l’ho visto quattro volte, e ogni volta piango. Mi sembra che sia arrivato il momento di lasciare quei due da soli, almeno per un po’”. (continua…) (Foto Getty Images)
.
.
Guarda la gallery della conferenza stampa di Breaking Dawn Parte 2:
.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento, inseriscilo tu per primo per “Comic Con 2012, ecco Kristen Stewart: “Stavolta con Robert sono un animale””

Rocken scrive:

che facciano come gli pare.. la vita è la loro e possono giocarsela a proprio stile e rischio.. de gustibus….. o no??? :-)

luca scrive:

Rispondo a te Clary.

1-Innanzitutto si, è lecito PARLARNE, ci mancherebbe. Il fatto, è che è meno lecito ELVARLO rispetto ad atre notizie molto più importanti e serie a livello cinematografico.
2-La regazzine in piena crisi ormanale, che non sono solo ragazzine purtropp, capiscono benissimo, perché loro colgono solo le immagini, le parole essenziali e il gossip sel momento, alla fine fregandosene totalmente anche del film in se in alcune occasioni. Qesto lo di evince anche dal tuo commento “la Stewart sotto i riflettori bla bla la”…ma anche chissene no? Queso non è cinema ma è puro, stupido, insulso ed inutile gossip da quattro soldi, e ci sono già riviste adeguate e forum uffiiali a parte per questo genere di cose.
3-Se per te Twilight è parte della cultura degli ultimi anni allora ti consiglio di rivedere i tuoi canoni assieme a molte altre…dato che Twilight, quasi alla pari del cinema italiano odierno, è la decadenza totale della cultura moderna, è lo specchio di una società dove domina pochezza e ignoranza, dove chi piace ed è bello allora è per forza bravo!
Bhe non è così: la Stewart è un attrice incapace ed inespressiva, toglie la voglia di andare al cinema…ed è initile che tutte voi fan di questo schifo di saga codividete foto le commentate diceso “Oh mio Dio, è bellissima, stupenda, bravissima”…sai cos’è in realtà? INUTILE, conosco mia amiche che studiano recitazione che sono molto più meritevoli di lei. Pattinson al contrario in buone mani riesce a tirare fuori qualcosa di buono, e mi è piaciuto al David Letterman Show dove ha palesemente mostrato la sua stanchezza nei confronti delle esagitate delle sue fan e dello schifo di Twilight.
Di Lautner non ne parliamo, classificarlo anche solo come attore è un insulto: un palestrato imbarbe che è arrcato al successo pompandosi e grazie all’apporto delle esagitate citate sopra. Ugualmete non parliamo dei film che, seppure la saga letteraria era leggibile…sono riusciti a far odiare anche quella! Orrendi, stupidi…filmacci!
Questa non è cultura…QUESTA È SPAZZATURA!!!!

Tess scrive:

il problema non è che se ne parli clary, ma che si parla sempre e solo del gossip e non del film anche in una buona rivista come questa. la stragrande maggioranza delle fan sono “accecate” dalla storia dei robsten e questo, che piaccia o no, è uno dei motivi fondamentali del grandissimo successo della saga. il primo film magari ha beneficiato del successo dei libri, ma poi tutto si è concentrato su di loro. non ne faccio una colpa agli attori, loro fanno il loro mestiere, ma è inutile negare l’evidenza.

Clary scrive:

Bell’articolo Best Movie! Avete notato anche voi che la Stewart è molto più a suo agio di fronte ai riflettori, rispetto ad una volta?

Vorrei farvi notare una cosa: le ragazzine in preda a crisi ormonali, non capirebbero gli articoli seri e interessanti di una rivista di cinema come Best Movie, non conoscono neanche l’esistenza.
Twilight fa parte della cultura degli ultimi anni, che vi piaccia o no, mi sembra più che lecito parlarne.

AndreaRocky scrive:

odio il gossip! ancor di più quello falso come loro! per fortuna che pattinson farà altri 3-4 filmetti poi sperirà!

Fallingstar scrive:

Caro Luca non è solo una tua opinione. Concordo pienamente con quello che hai detto e, anzi, mi sento anche io di criticare la scelta di concedere così tanta attenzione ai gossip di Twilight da parte della redazione. Best Movie è un arivista di cinema e se i lettori desiderano le notizie di gossip, beh, non devono fare altro che acqistare giornali che trattano di gosip: ne esistono centinaia, non serve che anche una buona rivista come questa abbassi i suoi standard a parlare di intrecci amorosi presto nati, presto dimenticati.
Personalmente ho trovato The Amazing Spiderman interessante ( più che altro per la rivisitazione del fumetto) e trovo che, in questo caso, la componente teen sia stata offerta dal carattere “nerd” di Peter… certo ci hanno un po’ giocato sopra, ma credo sia stata una mossa efficace per caratterizzare il personaggio: non il solito Spiderman alla Toby Mcguire, ma un adolescente che diventa eroe, pur mantenendo una certa dose di insicurezza.

luca scrive:

Io non capisco davvero perché si debba parlare così tanto di questi due, che appena sarà finito twilight faranno altri tre o quattro filmetti e poi non interesseranno più a nessuno, come successo per la “coppiona” Cruise e Holmes, con cui tutti ci avete martoriato per mesi e poi puff! Insucceso per entrambi e via nel dimenticatoio fino a pochi giorni fa, tornati sulla cresta dell’onda, anche se per poco, per il divrozio a cui sinceramente non frega nulla a nessuno.
Invece di concedere così largo spazio a cose del genere non sarebbe meglio dedicarsi al cinema vero e proprio? Ad esempio non avete riportato la notizia che la CBSfilms ha acquistato i diritti cinematografici di Deus Ex: Human Revolution, ma sta notizietta inutile e puramente di gossip si!
E io vi seguo sempre e credo che siate una delle migliori riviste italiane che trattano di cinema ed avete anche un ottimo sito, ma con Twilight, a mio parere, esagerate troppo rispetto ad altri.
Certo, fa aumentate le visualizzazioni perché in giro ci sono tante ma tante ragazzine in preda a crisi ormonali che credono che il mondo giri attorno a questi tre, e qui posso capirvi…ma avete riportato 4 news nell’arco di una mattinata solo su di loro e su Twilight!
Comunque, è solo una mia opinione. Inoltre comprendo come anche queste pochezze facciano parte del mondo del cinema, ma la realtà è che il sentimentalismo fanatico ed ossessivo del genere femminile adolscenziale (ma fossero solo loro, il problema è più diffuso purtroppo!) ha portato il cinema odierno ad essere quasi saturo di teen-movie, tanto che non avendo più idee originali e per mantenere costante l’attenzione degli adolescenti sul mondo del cinema, le major che hanno fatto? Hanno contaminato alti generi con “l’ingrediente segreto del successo”, cioè l’aspetto teen. Un esempio lampante è l’ultimo The Amazing Spiderman.
Bah! Il mondo di Twilight è stato l’inizio del crepuscolo per il cinema odierno.

Inserisci un commento

Effettua il login per postare un commento.

Se non sei registrato clicca qui Registrati