Film in anteprima

Doom torna al cinema, ma in 3D

Universal prepara un reboot del film uscito nel 2005 con protagonista Dwayne “The Rock” Johnson
-10/03/2011
Doom torna al cinema, ma in 3D

La casa di produzione hollywoodiana Universal ha annunciato di essere al lavoro su Doom 3D, secondo film dedicato alla celebre serie di videogiochi creata da id Software nel 1993. Stando a quanto riportato dal sito What’s Playing, non si tratterebbe però di un sequel diretto della poco fortunata pellicola uscita nel 2005 e con protagonista Dwayne “The Rock” Johnson, bensì di un reboot di quest’ultima che punterà sull’utilizzo del 3D stereoscopico. Attualmente giunta al terzo capitolo in ambito videoludico, la saga di Doom è considerata la capostipite del genere FPS (sparatutto in prima persona) ed è riuscita a mantenere invariato il proprio fascino nel corso degli anni grazie soprattutto ad ambientazioni fantascientifiche inquietanti ed a uno stile di gioco volutamente esagerato. Il film di Doom si ispirava proprio al terzo episodio della serie, raccontando la lotta per la sopravvivenza di un gruppo di Marines spaziali intrappolati su una stazione di ricerca su Marte, ormai invasa da pericolosi mutanti alieni. La pellicola non ha riscosso però il successo che la casa di produzione (Warner Bros.) si era aspettata, a causa della bassa qualità e della scarsa fedeltà al videogioco originale. I dettagli riguardo a Doom 3D di Univeral sono ancora pochi e le uniche certezze sono che il film non sarà un sequel ma un remake e che verrà girato per sfruttare al meglio il 3D stereoscopico. La speranza dei fan è che questo nuovo live-action possa essere maggiormente fedele alla serie originale rispetto al suo predecessore.

Leggi il nostro speciale I videogame invadono Hollywood

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento, inseriscilo tu per primo per “Doom torna al cinema, ma in 3D”

Alvin Miller scrive:

Il primo film era veramente orribile! Non tanto per la qualità in se, (dal momento che nelle videoteche si trovano film tratti da videogames decisamente peggiori), ma per le ignobili modifiche alla trama originale! Nel videogame infatti i mostri altro non erano che demoni fuoriusciti da un portale infernale sul pianeta rosso, mentre nella pellicola si sono ridotti ad essere l’ennesima mutazione dell’ennesimo virus (anche se in questo caso è più giusto dire “gene”) mutante.
Spero davvero che il reboot salvi la situazione! Potrebbe anche trattarsi di uno di quei rari casi, nel mondo del cinema, in cui un reboot riesca a salvare le sorti di una serie di successo.

Inserisci un commento

Effettua il login per postare un commento.

Se non sei registrato clicca qui Registrati