Film in anteprima

Dylan Dog, nuovo trailer e tre poster

Scontri tra vampiri e licantropi nel nuovo cinecomic con Brandon Routh e diretto da Kevin Munroe
-05/03/2011
Dylan Dog, nuovo trailer e tre poster

Dopo avervi mostrato il trailer italiano di Dylan Dog, adattamento cinematografico rivisto dal regista americano Kevin Munroe, oggi vi presentiamo un nuovo trailer internazionale con una carrellata di scene inedite e tre poster del film. Nel filmato, l’indagatore dell’incubo Dylan Dog si trova in mezzo a una guerra tra un clan di vampiri e un branco di licantropi. Ma la minaccia più terribile è senza dubbio un demone alato intenzionato a tornare nel mondo dei vivi.
Dylan Dog esordirà nelle nostre sale il 16 marzo 2011.

Pers aperne di più leggete l’articolo sul film pubblicato su Best Movie di marzo che dedica la cover proprio all’indagatore dell’incubo.

Guarda il trailer italiano

Guarda la photogallery di Dylan Dog

Guarda i poster (il primo, il secondo e il terzo)

Leggi il commento ai primi 23 minuti del film visti in anteprima al Festival di Roma

Sotto, il nuovo trailer e tre poster di Dylan Dog:


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento, inseriscilo tu per primo per “Dylan Dog, nuovo trailer e tre poster”

Black Queen scrive:

aaaaaaaaaaaaaaaah!!! OK ora ho capito hanno cambiato quelli della direzione…bn mejo così è + carino!!

Black Queen scrive:

WEEEEE!!! Ma cm hai fatti a scrivere cn la vignetta???? :(

salva808080 scrive:

..rispetto la produzione americana di questo film, mi riorda a tratti hell boy e underworld per lo scontro tra licantropi e vampiri…però, mi chiedo, ma perchè non si è presentata una casa di produzione italiana per produrlo perchè ????? Un film del genere sarebbe stato bello, farlo dirigere da un regista tipo Dario Argento,quindi dandogli qualche carattere horror più forte, misterioso, cupo, anche ironico naturalmente, oppure un regista giovane che si sta facendo le ossa, partito anche lui con qualche film horror tipo Shadow, come Federico Zampaglione, perchè farsi prendere da casa nostra i nostri titoli, i nostri lavori, un pò di orgoglio culturale cavolo, o dovremmo fare sempre film con amori adolescenziali ridicoli, oppure film comici demenziali, oppure film drammatici che raccontano un a determinata realtà, che per dire in Giappone è stata già superata, copiando a destra e a manca..penso che Dilan Dog come sggetto non originale, produrlo a “casa nostra” sarebbe stata una buona oppurtunità, dare il via alla ad una nostra dipendenza dal cinema straniero, anche americano, certo non è un film da oscar, ma sempre una buona oppurtunità rappresentava…peccato, comunque, ripeto, lo andrò a vedere il film non vedo l’ora, e meno mane che non è in 3D…..

Inserisci un commento

Effettua il login per postare un commento.

Se non sei registrato clicca qui Registrati