News

Filmauro: alleanza con Universal e il biopic su Jobs

La major americana distribuirà i film di De Laurentiis in Italia
-27/06/2012
Filmauro: alleanza con Universal e il biopic su Jobs

Scopri tutte le novità della stagione 2012-2013 nel nostro speciale

Intervento brevissimo ma succoso quello di Aurelio De Laurentiis alle Giornate professionali di Riccione. Due, in sostanza, le notizie.

La prima, e la più importante dal punto di vista delle strategie di mercato di Filmauro, è che quest’ultima si occuperà d’ora in poi solamente del lato creativo e promozionale dei propri prodotti, avendo deciso di affidare la distribuzione a Universal, con cui nel pomeriggio di oggi è stato stretto un accordo.
A questo punto il mondo della distribuzione italiana si divide tra due macro-poli, Universal/Filmauro e Warner/Sony, le “major italiane” di origine televisiva Medusa e 01, le major americane Fox e Disney, e il mare magnum degli indipendenti, da BIM a Eagle, da Fandango a Lucky Red, passando per M2, Moviemax, Teodora, Videa, Archibald, Minerva e la neonata Koch Media.

La seconda notizia, più strettamente cinefila, è che nel listino 2013 di Filmauro ci sarà il biopic sulla vita del fondatore di Apple Steve Jobs (interpretato da Ashton Kutcher), ancora in lavorazione, insieme ai nuovi film di Verdone e Veronese. Per Natale, invece, cambia veste – almeno nominalmente – il cinepanettone: dopo i risultati deludenti delle feste 2011 è stata abbandonata la formula “Natale a…” a favore non si sa ancora bene di cosa (il film si chiamerà Colpi di fulmine, il che – unito alla firma di Neri Parenti – fa pensare a una farsetta romantica), con De Laurentiis che ci ha tenuto a sottolineare di aver seguito tutte le fasi di stesura della sceneggiatura.
Più in generale, il produttore romano ha ribadito un impegno crescente nel settore cinema, annunciando addirittura venti titoli in distribuzione nei prossimi 15-18 mesi. Staremo a vedere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
pierov91 scrive:

Per quanto riguarda i Cinepanettoni può cambiare il nome variare di poco la storia ma non cambierà niente il risultato finale sarà sempre uguale volgarità e noia

Inserisci un commento

Effettua il login per postare un commento.

Se non sei registrato clicca qui Registrati