Grandi cambiamenti in corso nell’Universo DC: Geoff Johns svela la nuova filosofia della major

Grandi cambiamenti in corso nell’Universo DC: Geoff Johns svela la nuova filosofia della major

Dimenticatevi totalmente di Batman v Superman

di Pierre Hombrebueno 14/06/2017 1
Stampa

Un cinecomic DC carico di ottimismo e con una buona dose di umorismo? Wonder Woman è stato un esempio lampante (qui la nostra recensione), nonché la prima vera vittoria dell’Universo Esteso DC grazie all’accoglienza positivissima di pubblico e critica.

E a quanto pare, la major seguirà questa linea anche per i suoi prossimi film, a iniziare dall’imminente Justice League. Questa la nuova filosofia della DC secondo il presidente della compagnia, Geoff Johns: «Andare dritti all’essenza del personaggio e fare film divertenti. Essere sicuri che i personaggi siano personaggi con cuore, umorismo, speranza, eroismo, e ottimismo alla base».

Insomma, avete capito bene: non aspettatevi troppa oscurità e dramma in stile Batman v Superman nei prossimi lavori della casa! Chissà, però, che ne penseranno in proposito i fan duri e puri?

Fonte: TheWrap

© RIPRODUZIONE RISERVATA
News
AGGIUNGI COMMENTO
  • Silence88#1

    16/06/2017

    Per me dipende esclusivamente dal tipo di personaggio e storia che devono trattare, se parliamo di Batman per es. non si può certo immaginare un film con toni scanzonati e “colorati”, ma lo vedrei sempre drammatico e cupo. Ma per altri personaggi, come per es. quest’ultimo Wonder Woman, ci può stare..ha quell’umorismo “giusto” diciamo, non troppo ostentato come tanti film della Marvel (studios). Tuttavia, trovo questo “cambiamento” solo come una corsa alla Marvel, vedono che questi qui fanno sempre incassi sicuri, coi loro film più leggeri e allora la DC vuole prendere un pò questa strada… scelta a mio parere un pò troppo generalizzante. Noto che si fanno “plagiare” dalle critiche e dal pubblico, a quanto pare vogliono incassi sicuri, per cui seguono la moda… e già il fatto di aver aperto anche loro, un universo di cinecomic basati sui loro fumetti, ne è la conferma. Peccato.