Il contributo fondamentale di Steven Spielberg a Star Wars: Il risveglio della forza

Il contributo fondamentale di Steven Spielberg a Star Wars: Il risveglio della forza

Senza il papà di E.T. – L’extraterrestre, il nuovo Guerre Stellari poteva essere decisamente molto diverso

di Pierre Hombrebueno 11/12/2015
Stampa

Prima di vedere Star Wars: Il risveglio della forza questo 16 dicembre, sappiate una cosa: probabilmente il film non sarebbe quel che è (o non esisterebbe proprio) senza Steven Spielberg.

Vi starete chiedendo che cosa c’entri l’autore de Il ponte delle spie? Ebbene, è solamente merito suo se alla guida dell’operazione abbiamo un cineasta così in gamba come J.J. Abrams. Infatti, quando la produttrice Kathleen Kennedy ha avuto la pensata geniale di resuscitare la mitica saga, non aveva proprio idea su chi potesse dirigerlo; così, ha chiesto consiglio proprio al caro amico Steven, con cui aveva già lavorato in pellicole come E.T. – L’extraterrestre e Jurassic Park.

La risposta di Spielberg? «Kathy, c’è un solo regista che dovrebbe veramente prendersi questo spaventoso ed epico compito, J.J. Abrams». Insomma, il papà di E.T. era decisamente un fan di J.J., merito probabilmente anche della loro precedente collaborazione nell’ottimo sci-fi Super 8.

Quindi, grazie Steven per averci portato Abrams a bordo, con la speranza che l’operazione non si riveli una vera delusione. Per saperlo con certezza, non rimane che attendere ancora pochi giorni: che la forza sia con voi!!

 
Nel frattempo, ricordiamo che Star Wars: Il risveglio della Forza è protagonista del numero di dicembre di Best Movie (clicca qui per sfogliare il magazine in anteprima).

Quali sono i vostri ricordi più belli di Star Wars? I nostri li abbiamo raccolti nello speciale Star Wars Memories, sei video tematici in cui vi raccontiamo ciò che ci lega di più alla saga sci-fi. Li trovate nella playlist di seguito (per vederli uno ad uno cliccate qui):

Fonte: Deadline

© RIPRODUZIONE RISERVATA
News
AGGIUNGI COMMENTO