Il Re al cinema: i 10 migliori film tratti da Stephen King

Il Re al cinema: i 10 migliori film tratti da Stephen King

Il maestro del brivido è un habituée degli adattamenti cinematografici: ecco i migliori

di Gabriele Ferrari 24/10/2013 2
Stampa

Lo ammettiamo: avevamo previsto questa top ten in occasione della (presunta) uscita nei cinema di Carrie, remake firmato Kimberly Peirce del classico di Brian De Palma. Poi, la sfortuna e le logiche di distribuzione ci hanno privati di questa fausta coincidenza: Carrie è rimandato a gennaio, quello che non è rimandato è invece il nostro appuntamento con la top ten, visto che siamo pur sempre a pochi giorni da Halloween.

Forse avete già capito dove vogliamo andare a parare: la notte delle streghe e un film tratto da Stephen King vanno insieme come la mozzarella e la pizza, e non c’è periodo migliore, dunque, per celebrare il Re del brivido al cinema. L’opera di King è da sempre legata a doppio filo con cinema e televisione: decine di suoi racconti o romanzi sono stati portati in sala (o sul piccolo schermo), con casi clamorosi (la querelle con Kubrick riguardo a Shining) e altri praticamente sconosciuti. Il nostro scopo è dunque quello di mettere un po’ di ordine: abbiamo selezionato i dieci migliori adattamenti “kinghiani” della storia, e ve li abbiamo raccolti nella nostra solita classifica che comincia proprio qui sotto, nella prossima riga.

Partendo dalla decima posizione cominciate a leggere la classifica e, come sempre, dite la vostra!

© RIPRODUZIONE RISERVATA
News
AGGIUNGI COMMENTO
  • ReLeone#1

    30/10/2013

    Pure il remake di Carrie è stato rimandato (come il gioiello animato Frankenweenie l’anno scorso, rimanendo in zona Halloween): sarà l’ennesima uscita tecnica made in Usa che solo in pochi considereranno. >:(

  • Antonio Montefalcone#2

    25/10/2013

    Come si fa a non essere d’accordo con la selezione che avete fatto dei 10 migliori film tratti dalle opere del grande scrittore del brivido Stephen King?
    Sono tutte ottime pellicole e storie molto affascinanti, che anch’io adoro tanto.

    Alla classifica aggiungerei, però, anche altre pellicole tratte dalla penna di King che mi sono piaciute (e spaventato) soprattutto da bambino. Pellicole di efficacia messa in scena e macabra atmosfera, non soltanto ben riuscite nella trasposizione e discretamente realizzate dal punto di vista cinematografico, ma anche abbastanza memorabili, che sicuramente avranno i loro estimatori.
    Tra queste, in ordine di uscita:

    “Grano rosso sangue” (Children of the Corn, 1984) di F. Kiersch
    “I vampiri di Salem’s Lot” (A return to Salem’s Lot, 1987) di Larry Cohen
    “L’implacabile” (The Running Man, 1987) di P. M. Glaser
    “Cimitero vivente” (Pet Sematary, 1989) di Mary Lambert
    “A volte ritornano” (Sometimes They Come Back, 1991) di Tom McLoughlin
    “La metà oscura” (The Dark Half, 1993) di George A. Romero
    “Cose preziose” (Needful Things, 1993) di Fraser C. Heston
    ” The Mangler – La macchina infernale” (The Mangler, 1995) di Tobe Hooper

    E infine, come miniserie televisive, “It” (’90) col suo celebre mostro-clown, e “The Tommyknockers – Le creature del buio” (’93). Film godibili e piacevoli anche dopo l’ennesima visione.