Le case della follia, il boardgame horror con app gestionale

Le case della follia, il boardgame horror con app gestionale

Misteri e indagini nella seconda edizione del gioco da tavolo creato da Nikki Valens

di Paolo Cupola 14/02/2017
Stampa

Per scoprire i boardgame da non perdere, visitate la nostra sezione dedicata

Il delirante universo nato dalla fantasia di H.P. Lovecraft è da sempre uno dei temi di ispirazione cui il mondo dei giochi da tavolo (e non solo: sono molti i videogame che, allo scrittore di Providence, più o meno esplicitamente si riferiscono) attinge con maggiore entusiasmo. Sulle pagine di questa rubrica, del resto, abbiamo già avuto occasione di parlare del divertente Alba di Cthulhu, gioco di ruolo di produzione italiana vincitore, peraltro, del premio “Gioco di Ruolo dell’Anno” della scorsa stagione. I miti di Cthulhu sono stati cucinati in mille salse: collaborativi (l’eccellente Arkham Horror, il preferito dalla redazione di Best Movie), giochi di carte (“Cthulhu Realms”), giochi di ruolo, giochi di strategia (Cthulhu Wars), giochi gestionali, giochi di dadi, c’è persino una versione dedicata del dissacrante party game Munchkin. Mancavano all’appello i “dungeon crawler”, genere ludico cui Best Movie ha già dedicato un po’ di spazio in passato, come nel caso del bizzarro Mice & Mystics.

A questo gap, l’editore americano Fantasy Flight Games aveva posto rimedio, nel 2011, con la realizzazione dell’eccellente Mansions Madness, poi localizzato nel nostro paese ne Le Case della Follia. I dungeon crawler, “gioconi” pieni zeppi di miniature, mappe e altri variopinti gadget, sono spesso in grado di regalare ore e ore di divertimento, sempre nuovo, grazie al sistema di gioco che propone, proprio come un GdR, una nuova avventura ad ogni partita, ma hanno di norma un difetto: richiedono l’impiego di un master, un giocatore (che in Mansion Madness veniva chiamato “Il Custode”) che si prenda la briga di gestire la partita, preparando in anticipo l’avventura e giocando, di fatto, contro gli altri giocatori. Un ruolo spesso considerato “scomodo” o ingrato ma assolutamente cruciale, perché un master cattivo o poco esperto può rovinare il divertimento a tutti. Per questo oggi i nuovi dungeon crawler (come Le Leggende di Andor o lo stesso Mice & Mystics) tendono a fare uso di sistemi di gioco che rendano superfluo l’uso di un giocatore dedicato alla conduzione della partita.

case-follia

Oggi Fantasy Flight sembra avere imparato la lezione e, nel realizzare la seconda edizione del gioco, in uscita questi giorni, ha pensato bene di mandare in pensione il Custode e di rimpiazzarlo con una pratica ed efficientissima “app”, scaricabile gratuitamente su AppStore™, Google Play™ store o Amazon Appstore, nonché su Steam (la versione per Windows o Mac). Un’idea eccellente, che ha un impatto significativo nella stessa esperienza di gioco: oltre a garantire una gestione eccellente e priva di errori tecnici di tutte le fasi della partita, infatti, l’app velocizza enormemente il setup (una delle spine nel fianco della vecchia edizione) aumentando anche la “suspense” e contribuendo così ad aumentare la godibilità e l’atmosfera di questo eccellente dungeon crawler. Nella vecchia edizione, infatti, tutte le stanze della casa venivano disposte all’inizio della partita, palesando così da subito la mappa completa dell’avventura; nella nuova edizione, invece, l’app inserisce le nuove stanze solo quando i giocatori ci mettono piede, perciò non si sa mai cosa si potrà trovare oltre una porta massiccia e scricchiolante…

L’edizione base comprende quattro avventure, tutte in italiano, più una quinta che, però, oltre ad essere in inglese, è disponibile solo per chi possiede già la vecchia edizione del gioco. Nuove avventure, naturalmente, saranno pubblicate nei mesi a venire. Il gioco, bisogna dirlo, non ha un prezzo proprio “prêt-à-porter”, ma la confezione è ricca di materiale: eccellenti miniature di varie dimensioni, carte, stanze, schede variopinte e regolamenti. Un prodotto davvero eccellente e che oggi, grazie alla app, può essere giocato anche in solitario come una sorta di “videogame tridimensionale”: è infatti possibile “salvare” la partita in ogni istante e riprenderla in seguito.

A noi è piaciuta, ma dobbiamo ricordare che la tematica di alcune avventure rende sconsigliabile il gioco ai giovanissimi.

case-follia2

Scheda tecnica:

AUTORE: Nikki Valens

EDITORE: Asmodée Italia

GENERE: Dungeon Crawler Horror

NUMERO GIOCATORI: 1-5

ETÀ: 14+

DURATA MEDIA: 150′

PREZZO CONSIGLIATO: 89,90 €

Di seguito, il trailer di Le case della follia:

© RIPRODUZIONE RISERVATA
News
AGGIUNGI COMMENTO