«Ok, mi sono sbagliato». Ridley Scott ammette l’errore fatto con Prometheus

«Ok, mi sono sbagliato». Ridley Scott ammette l’errore fatto con Prometheus

Il regista spiega il cambio di rotta avvenuto tra il prequel e Alien: Covenant

di Marita Toniolo 12/05/2017
Stampa

Nel 2014 Ridley Scott aveva detto che nel sequel di Prometheus, che aveva diviso molto critica e pubblico, non sarebbe comparso lo Xenomorfo, perché gli sembrava che fosse stato spremuto troppo, ma poi mandando avanti velocemente e arrivando oggi ad Alien: Covenant (qui la recensione), sappiamo bene che la bestia è tornata.

Quindi cosa è cambiato? Yahoo lo ha chiesto direttamente a Ridley Scott:

«Quello che è cambiato è la reazione a Prometheus, che è stata una reazione davvero molto delusa» ha risposto il regista senza esitazione.

«Siamo andati dritti per la nostra strada, e abbiamo scoperto che i fan erano molto frustrati. Volevano saperne di più del mostro originale mentre io pensavo che fosse cotto e stracotto, con tanto di arancia in bocca. E mi sono detto: “Wow, OK, ho sbagliato”».

«In modo buffo le reazioni dei fan – a cui non spetta l’ultima parolasono il riflesso dei tuoi dubbi» ha spiegato Scott, «e ti fanno capire quando hai ragione e quando hai torto. E penso che se non tieni conto delle reazioni dei fan sei insensibile».

Fonte: Yahoo

© RIPRODUZIONE RISERVATA Vai al Film
AGGIUNGI COMMENTO