Ghost Rider: Spirito di vendetta

la recensione di MatteG3

Scritta dai Lettori il 25/03/2012

Dopo una lunga pausa ritorna l’antieroe Ghost Rider, in stile cinecomic, in un film di Mark Neveldine e Brian Taylor.
Ghost Rider: Spirito di vendetta è il titolo attribuito a questo nuovissimo “Movie” interamente in 3D.
Il personaggio principale, ovvero Nicolas Cage, nei panni del motociclista più spietato del momento è tornato a seminare terrore.
Nel film il nostro eroe si troverà a dover salvare un bambino, la cui vita sarà messa molto in pericolo… Da chi? Dal diavolo in persona!
Personaggio secondario è Nadya (Violante Placido) nei panni della madre del bambino.
Non mancano i nemici ad ostacolare e complicare la missione del Ghost Rider…
Le riprese in cui vediamo dei veri e propri paesaggi in 3D sono sparse quà e la, ma, nonostante tutto questo impegno il film risulta essere abbastanza complicato da capire ad una prima e sola visione.
Il 3D sembra mancare, non ci sono effetti degni a mostrarcelo e rendere il film impressionante come altri tipo (il più famoso) Avatar.
In Ghost Rider lo spettatore si trova ad aspettare qualcosa che non arriverà mai.
Il film poteva essere prodotto anche senza la terza dimensione

Nessun commento, inseriscilo tu per primo per “Ghost Rider: Spirito di vendetta: la recensione di MatteG3”

Inserisci un commento

Effettua il login per postare un commento.

Se non sei registrato clicca qui Registrati