La La Land: la recensione di Mauro Lanari

La La Land: la recensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 17/05/2017
Stampa

Non regge il confronto con l’impossibile “Major Chords” fra De Niro e la Minnelli dello scorsesiano “New York, New York” (1977), né con la drammaticità del musical di Bob Fosse “All That Jazz” (1979), sfrutta la struttura stagionale del Kim Ki-duk del 2003 (“Primavera, estate, autunno, inverno… e ancora primavera”), mentr’il conclusiv’effetto “Sliding Doors” (1998) non è tra due mondi paralleli bensì alternativi (la realtà vera e il sogno fantasticato), inoltre i lavori dei due protagonisti sono un’allegoria metacinematografica tanto car’all’Academy: lui l’audio, lei il video. Un “film on demand” per la notte degl’Oscar e così è stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Vai al Film Scrivi Recensione
Recensioni

La La Land

di Giorgio Viaro 25/01/2017 1

La La Land, cioè vivere tra le nuvole, sognare ad occhi aperti. Ma anche vivere a Los Angeles, tra...

Scopri di più
AGGIUNGI COMMENTO