Scappa – Get Outrecensione di loland10

di Lorenzo D.G. 24/05/2017

“Get out. Scappa” (Get out, 2017) è il primo lungometraggio dell’attore- regista Jordan Peele. Opera prima e dai produttori de ‘The Visit’ e ‘La notte del giudizio’. E questo indica già un percorso: dissacrante quanto basta, schema di genere quanto serve, livore sociale per partire. Ecco servito un film a...

Scopri di più Vai al Film

Alien: Covenantrecensione di Frances Julia

di francesca balzano 23/05/2017

Alien: covenant riparte cronologicamente da prometheus continuando a domandarsi sulla creazione dell’uomo ma sopratutto , sulla creazione in sè, se si potesse? con quali risultati? Alien, covenant spiega la missione di colonizzazione sul pianeta Origae-6, dando un’inizio alquanto sbrigativa dell’azione, dopo un veloce impatto con una tempesta di neutrini, (versione...

Scopri di più Vai al Film

King Arthur – Il pote...recensione di Cristian_90

di Cristian Ferraro 22/05/2017

Il britannico Guy Ritchie torna dietro la macchina da presa in una veste a lui inconsueta dirigendo un fantasy d’avventura, King Arthur – Il potere della spada, solo apparentemente lontano dal genere a cui ci ha abituato. Il regista, pur affrontando un tema inflazionato e più volte rivisitato, riesce abilmente...

Scopri di più Vai al Film

Un re allo sbando – K...recensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 21/05/2017

Copincollo: “Poteva essere un buon esempio di commedia paneuropea, invece ‘Un Re Allo Sbando’ si perde quasi subito e spreca un ottimo spunto. L’esigenza di metter’in moto un gruppetto disperato e braccato passa sopra qualsiasi costruzione raffinata e rende il film una sequenza di gag slegate nemmeno divertenti.”

Scopri di più Vai al Film

La La Landrecensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 20/05/2017

Non regge il confronto con l’impossibile “Major Chords” fra De Niro e la Minnelli dello scorsesiano “New York, New York” (1977), né con la drammaticità del musical di Bob Fosse “All That Jazz” (1979), sfrutta la struttura stagionale del Kim Ki-duk del 2003 (“Primavera, estate, autunno, inverno… e ancora primavera”),...

Scopri di più Vai al Film

La Bella e la Bestiarecensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 20/05/2017

Questo “Beauty and the Beast” “poggia s’una sceneggiatura lacunosa. Sembr’un totale paradosso proprio poiché si pone come la trasposizione fedele d’un Classico che possiede uno script di ferro. Eppure, potrebbe esser’il più debole tra i live-action tratti dai Classici Disney prodotti fin’a oggi. Il capolavoro del ’91 mostrava una giostra...

Scopri di più Vai al Film

Song to Songrecensione di Cotugnos

di Strato Cotugno 19/05/2017

MALICK, LA BELLEZZA CHE RITORNA Terrence Malick, il regista di La sottile linea rossa e The three of life, è tornato. Song to Song, sua ultima fatica, è in sala. Questo significa che il filosofo, l’idiosincratico, quel pazzo soporifero, almeno per alcuni critici, dopo anni di lavorazione, finalmente ci permette...

Scopri di più Vai al Film

Smetto quando voglio –...recensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 18/05/2017

Lo slittamento dalla commedia italiana all’action comedy esterofila (Landis, Ritchie, le saghe d'”Ocean’s”, “Matrix”, “Indiana Jones”, “Terminator”, “Ritorno al futuro”, inoltre “Ghostbuster”, “I Goonies”, ecc.) non è indolore. Si ride molto meno e con molto meno gusto, l’ibridazione per inaugurar’il franchise e quindi monetizzare l’idea del 1° capitolo è economicamente...

Scopri di più Vai al Film

La La Landrecensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 17/05/2017

Non regge il confronto con l’impossibile “Major Chords” fra De Niro e la Minnelli dello scorsesiano “New York, New York” (1977), né con la drammaticità del musical di Bob Fosse “All That Jazz” (1979), sfrutta la struttura stagionale del Kim Ki-duk del 2003 (“Primavera, estate, autunno, inverno… e ancora primavera”),...

Scopri di più Vai al Film

The Lesson – Scuola d...recensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 17/05/2017

Tra iperboliche sfighe fantozzian’ed eroismi femminili del 1° Trier, una lezioncina sull’onestà e il rigore morali degna dei Dardenne più pedestri. Debutto molto scarso indicato solo per i Tafazzi festivalieri.

Scopri di più Vai al Film