Il permesso – 48 ore ...recensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 25/07/2017

“Due giorni ci sembravano il periodo giusto per dare dinamicità alla storia. Ho cominciato a fare l’attore alla terza settimana. Era la prima volta che mi dirigevo e il primo giorno ero distratto dal meteo e dai miei doveri di regista, così non entravo in scena. Quel giorno mia moglie...

Scopri di più Vai al Film

La vendetta di un uomo tran...recensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 22/07/2017 1

Ma chi sarebbe l’imbecìlle che ha sdoganato il revenge movie dall’iineccepibile accusa di giustizialismo? Monicelli dimostrava d’aver ancora le idee chiare nel ’77 con “Un borghese piccolo piccolo”. Quali sarebbero perciò i presupposti teoretici a supporto della trilogia di Park Chan-wook o dell’Oscar 2015 a “The Revenant”? Su che basi...

Scopri di più Vai al Film

Codice criminalerecensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 17/07/2017

Granitico legame di sangue in una famiglia di bigotti malavitosi. L’inter’esordio d’Adam Smith gir’a vuoto attorn’a quest’insignificante, sfiancante, estenuante soggetto, lo “scontro melodrammatico tra Fassbender, figlio innovatore, bello, bravo, intelligente, e Gleeson, patriarca tirannico, barbarico e ignorante” (Caprara). I Chemical Brothers s’allineano.

Scopri di più Vai al Film

Classe Zrecensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 16/07/2017

Seguo Guido Chiesa da quando pubblicava su Rockerilla, anni pre ’90 e pre-scission’editoriale con Rumore, e non mi sono mai trovato d’accordo con lui. Ora st’applicand’una strategia di furbo conformismo coi suoi nuov’interlocutori, la generazione dei nativi digitali, adottandone le stesse modalità mediatiche. Ma questa generazione comunica? Ohilà che sorpresa....

Scopri di più Vai al Film

Civiltà perdutarecensione di Cristian_90

di Cristian Ferraro 15/07/2017

James Gray getta il suo occhio indagatore sul libro di David Grann, ‘Z la città perduta’, trasponendolo sul grande schermo con un risultato più che positivo. Le vicende riguardanti il protagonista coprono un arco temporale di più di vent’anni e il regista, con un ritmo pacato ma deciso, riesce nell’impresa...

Scopri di più Vai al Film

Spider-Man: Homecomingrecensione di ale5b

di Alessio Nana 14/07/2017

Snaturato, ma nemmeno troppo, il nuovo corso Spiderman firmato Jon Watts (Clown, 2014) trasuda una freschezza adolescenziale che ridisegna i canoni di Peter Parker, con l’obiettivo di fare di Homecoming un possibile trampolino di lancio verso l’universo Marvel per eccellenza che risponde agli Avengers. Una chiave di lettura ben definita...

Scopri di più Vai al Film

Insospettabili sospettirecensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 13/07/2017

Si scrive Zach Braff ma si legge Theodore Melfi, sceneggiator’e regista d'”Hidden Figures” col viziaccio di strafare. Come se la storia vera delle 3 protagoniste alla NASA non fosse stata intrigante già di per sé, Melfi l’ha stravolta fin nelle minuzie pur d’inserirvi surrettiziamente i suoi pipponi sulla discriminazione etnica...

Scopri di più Vai al Film

Fai bei sognirecensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 12/07/2017

“Ci sono delle ovvietà che sconvolgono.” In negativo, ma sconvolgono. Pover’il Rimbaud de “Je m’en allais, les poings dans mes poches crevées”, non si merita l’imperterrita deriv’anticonoclasta d’un Bellocchio senior che, individuat’i capri espiatori nel Cristianesimo e nella “napoleonica falsità”, “i simboli, i simulacri, le icone dell’autorità e del potere”,...

Scopri di più Vai al Film

Ellerecensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 11/07/2017

La “politique des auteurs” dei Cahiers colpisce ancora: dopo “Toni Erdmann”, da loro nominato film dell’anno 2016, “Elle” al 2° posto. La Huppert ci risciorina il suo unico pony da battaglia, quello della femme crudele, cinica, luciferina, “jenseits von Gut und Böse”. Pure Verhoeven s’è intruppato nella bolgia d'”autori” che...

Scopri di più Vai al Film

Vi presento Toni Erdmannrecensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 09/07/2017 1

“Non c’è davvero molto del tanto sbandierato rapporto padre-figlia nel film, come non c’è davvero molto su di lui, il professore di musica Winfried Conradi in arte Toni Erdmann, non sappiamo quasi nulla di quest’assurdo genitore” (Niola). Dop’un’ora e 50 di lungaggini e balordaggini (c’è persino chi adora un simile...

Scopri di più Vai al Film