Smetto quando voglio – Masterclass: la recensione di Mauro Lanari

Smetto quando voglio – Masterclass: la recensione di Mauro Lanari

di Mauro Lanari 18/05/2017
Stampa

Lo slittamento dalla commedia italiana all’action comedy esterofila (Landis, Ritchie, le saghe d'”Ocean’s”, “Matrix”, “Indiana Jones”, “Terminator”, “Ritorno al futuro”, inoltre “Ghostbuster”, “I Goonies”, ecc.) non è indolore. Si ride molto meno e con molto meno gusto, l’ibridazione per inaugurar’il franchise e quindi monetizzare l’idea del 1° capitolo è economicamente giustificata, ma la nuova costruzione narrativa rimpiazza la precedente invece d’agire per accumulo e quindi la scena dell’assalto al treno o la sequenza in animazione si perde in uno script bulimico e confuso dove l’allargamento del cast sin’alla coralità è malgestito scivolando nel bozzettistico celato da un ritmo vertiginoso se non videoclipparo. Sibilia merita questi guadagni, gli spettatori una storia megli’organizzata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Vai al Film Scrivi Recensione
Recensioni

Smetto quando voglio – Masterclass

di Valentina Torlaschi 02/02/2017

Diciamolo subito: Smetto quando voglio – Masterclass non è un semplice sequel; piuttosto, è il tassello intermedio di un’operazione...

Scopri di più
AGGIUNGI COMMENTO