loki thanos

L’universo Marvel sta per essere pesantemente scosso: tutto grazie (o per colpa) di quanto sta accadendo nella serie Loki, la terza dell’MCU in questo 2021 e quella che potrebbe avere l’impatto maggiore per il futuro dei personaggi e delle storie rappresentate.

ATTENZIONE: contiene spoiler ai primi due episodi di Loki!

Le cose si stanno muovendo molto velocemente nella nuova serie Disney+ dedicata al Dio dell’Inganno. Dopo aver preso la mano con la TVA, Loki ha iniziato la sua caccia alla Variante che sta minacciando la Sacra Linea Temporale, che in realtà è una sua versione alternativa. La rintraccia nel 2050 mentre si nasconde in un’Apocalisse (rimanendo così fuori dai radar della TVA) e scopriamo che si tratta a tutti gli effetti di una versione femminile di Loki.

Al momento non è chiaro se il personaggio di Sophia Di Martino sia Lady Loki, Sylvie l’Incantatrice oppure altro (nella scheda di una variante si legge anche Sylvie Laufeydottir), ma il suo piano è in azione. A fine episodio spedisce alcune cariche di reset della TVA in vari punti della Sacra Linea Temporale e, quando queste esplodono, iniziano a verificarsi numerose ramificazioni che se non verranno fermate porteranno alla distruzione della linea stessa.

Proprio queste contengono un interessante dettaglio che si lega all’MCU visto sinora. Sebbene nel primo episodio di Loki la Marvel abbia reso ben chiaro che tutta la questione delle Gemme è ininfluente in questo racconto, c’è un easter egg che riporta Thanos all’attenzione dei fan.

Quando le cariche esplodono e la TVA entra in subbuglio, si possono infatti notare alcuni nomi e date sul monitor di servizio. Tra queste, si legge anche Titan e la data 13 ottobre 1982: si tratta del pianeta natale di Thanos, che a quanto dichiarato dallo stesso Titano Pazzo è stato distrutto dal rifiuto di tenere sotto controllo la popolazione e lo sfruttamento delle risorse. Quando sia successo non si sa, ma questa nuova linea temporale che sta nascendo potrebbe avere a che fare con la distruzione di Titan?

Curiosamente, anche altri nomi che appaiono sul monitor sono legati all’MCU e le prime fasi: c’è Ego, il pianeta senziente villain de I Guardiani della Galassia 2 (la data recita 1382) e altre cariche esplodono a New York nel 1947, Hala nel 0051, Asgard 2004 e Sakaar 1984. Non è chiaro se le bombe siano state mandate in corrispondenza di eventi già conosciuti nell’universo Marvel, ma sarà interessante capire come potranno svilupparsi.

Sembra infatti che con questa mossa Lady Loki – o chiunque sia – abbia messo in moto una reazione a catena che porterà alla creazione del Multiverso. Possibile che nei prossimi episodi il Dio dell’Inganno venga inviato in questi luoghi e allora i fan potrebbero addirittura sognare: potremmo rivedere Thanos su Titan nel 1982?

Leggi anche: Loki e la TVA: dei personaggi della serie in realtà non esistono? Sì, secondo una folle teoria

Foto: Marvel Studios

Fonte: ScreenRant

© RIPRODUZIONE RISERVATA