WandaVision

WandaVision ha riportato i fan della Marvel nel MCU per la prima volta dai tempi di Spider-Man: Far From Home del 2019. Questo intervallo di tempo, della durata di un anno e mezzo, potrebbe aver reso il Blip – cioè il momento in cui Hulk ha resuscitato le vittime dello schiocco di Thanos, noto in inglese come Snap – un lontano ricordo per molti.

Tuttavia, per gli appassionati dell’UCM, gli eventi di Avengers: Endgame sono ancora recenti, oltre che freschi nella memoria, e l’episodio 4 di WandaVision, Interrompiamo questo programma, ha contribuito a svelare come andò quell’evento.

La quarta puntata della serie disponibile su Disney+ si apre con la resurrezione di Monica Rambeau in un ospedale, nel momento in cui vi riappare insieme a tutti gli altri che erano nell’edificio cinque anni prima. Un momento sicuramente d’impatto, ma il modo in cui il Blip di WandaVision viene mostrato, come molti avranno notato, differisce in maniera abbastanza netta da come era stato rappresentato e portato sul grande schermo in Spider-Man: Far From Home.

In WandaVision, le vittime dello Schiocco tornano più o meno nello stesso modo in cui se n’erano andate, ricomponendosi a partire da vorticose nuvole di polvere e riavvolgendo dunque il nastro della disintegrazione apocalittica e totale che aveva avuto luogo in Infinity War. Le persone ricompaiono gradualmente, una ad una, tra pazienti e ospiti disorientati e il personale ospedaliero evidentemente sopraffatto dalla situazione.

In Far From Home, al contrario, un notiziario scolastico mostra filmati di una partita di basket in cui gli studenti di Midtown riappaiono improvvisamente e tutti in una volta, attraverso lampi di luce (la band della scuola “sfortunatamente” stava suonando proprio durante lo Schiocco, e il Blip provoca collisioni piuttosto comiche tra giocatori di basket e membri del gruppo musicale).

Ma perché i due Blip sono così diversi? Potrebbe trattarsi di una “svista” dei Marvel Studios, che però come sappiamo raramente fanno la cose per caso e hanno dimostrato negli anni un acume produttivo tale da consentirgli di non perdere per strada nessun dettaglio, anche quello in apparenza più irrilevante. Più facile presumere che ogni film o serie faccia storia a sé e che si senta il bisogno e l’esigenza di impostare il tono appropriato per ogni singolo prodotto anche sul fronte delle scelte visive. Far From Home offre uno sguardo più “spensierato” al Blip dal punto di vista degli studenti, mentre WandaVision, d’altra parte, dà il via alla storia di Monica con un senso di disorientamento e tragedia. E fin qui va bene.

Ma, data l’importanza della continuity tra le varie proprietà dell’UCM, potrebbe esserci una spiegazione ulteriore, relativa alla geografia dei luoghi. Hulk realizza il Blip nella struttura degli Avengers nell’Upstate New York, lo stesso stato in cui si trova la scuola di Peter Parker. La posizione dell’ospedale in cui Monica ritorna non è confermata, ma si potrebbe presumere che si trovi vicino alla sua casa d’infanzia in Louisiana, come si vede in Captain Marvel. Se è così, è possibile che il Blip si sia spostato in tutti i luoghi del mondo, con Hulk come epicentro. I luoghi più vicini alla struttura dei Vendicatori potrebbero aver visto le persone tornare in una rapida esplosione di energia, mentre in quelli più lontani la gente potrebbe aver fatto ritorno con più gradualità. 

L’applicazione di questa logica allo Schiocco originale potrebbe anche spiegare lo schema delle sparizioni delle persone. Bucky è il primo personaggio a disintegrarsi in Infinity War, a pochi passi da dove Thanos ha schioccato le dita, mentre Spider-Man è l’ultimo.

Ad ogni modo, negli anni a venire, le ricadute di Avengers: Endgame in serie come l’imminente The Falcon and the Winter Soldier e o film come Spider-Man 3 con Tom Holland non tarderanno sicuramente ad arrivare! Nell’attesa, fateci sapere cosa ne pensate di queste supposizioni sul Blip, come sempre nei commenti.

Fonte: CBR.com

Foto: Disney/Marvel Studios

© RIPRODUZIONE RISERVATA