E qui, arriviamo ai classici. Tra cui non può non esserci Striptease, il film di Andrew Bergman che incoronò Demi Moore come sex symbol. Poco allusiva sin dal titolo, la pellicola racconta la parabola di Erin Grent, che dopo aver perso il lavoro da segretaria dell’FBI, per raccogliere i soldi necessari per ottenere la custodia della figlia Angela, finita con il marito psicopatico dopo il divorzio, si esibisce al topless bar Eagle Beaver. Conquistando un numero illimitato di fan.

Scopri la posizione numero due

© RIPRODUZIONE RISERVATA