«È il sogno di ogni ragazzo trasformarsi nel classico principe azzurro, e per me non è certo diverso» racconta Ben Barnes, trent’anni nel 2011. E lui, in più, del principe ha proprio il physique du rôle. Capelli fluenti, viso dolce e sguardo puro sono il suo punto di forza, insieme a una perseveranza degna di un grande attore. «I miei mi hanno convinto a laurearmi prima di buttarmi a capofitto nella professione di attore – racconta – e per questo sarò loro sempre grato». Anche se, prima della laurea presso la Kingston University nel 2004, Ben non ha certo abbandonato la sua passione per lo spettacolo, recitando a teatro e suonando nella boy band Hyrise (batteria e pianoforte, ma è anche dotato di una bellissima voce). Poi il cinema, dove è entrato subito da protagonista, vedi Stardust accanto alla “Giulietta” Claire Danes, Dorian Gray, la prima pellicola “adulta”, ma soprattutto con i panni del Principe Caspian, che indossa per la seconda volta ne I viaggi del veliero.

Best Movie: Per questo ruolo erano stati provinati un’infinità di giovani attori. Come ha fatto a batterli tutti?
Ben Barnes: «Non lo so. A volte penso che si siano sbagliati o che semplicemente abbiano preso il primo che gli è capitato tra le mani. Ancora non riesco a capacitarmi di tanta fortuna».

Best Movie: È vero che per affrontare il provino si è ispirato a La storia fantastica?
Ben Barnes: «In effetti sì. Mi era stato chiesto di preparare un accento spagnolo. Così sono corso a casa a saccheggiare la mia collezione di dvd alla ricerca di un’ispirazione. All’inizio ho guardato Desperado con Antonio Banderas, ma lui non parla mai, fissa solo con uno sguardo truce, così alla fine ho guardato La storia fantastica e Inigo Montoya che diceva “Tu hai ucciso mio padre… preparati a morire” mi è rimasto dentro. Così, per caricarmi al provino ho pronunciato quella frase un’infinità di volte, e ha funzionato».

Best Movie: Le cronache di Narnia prima, Dorian Gray dopo. Com’è cambiata la sua vita dopo aver interpretato ruoli così importanti?
Ben Barnes: «Lo so che suona strano, ma alla fine non è cambiato tantissimo. Anche perché non sempre la gente mi riconosce e riesco a condurre un’esistenza pressoché normale, se per normale si intende naturalmente girare per strada con i poster con la tua faccia a grandezza naturale piazzati a ogni angolo di strada (si riferisce alla promozione dei film delle Cronache di Narnia, ndr). Una volta ero in aereo, e tra i film a disposizione c’era Stardust, i cui primi dieci minuti sono tutti incentrati sul mio personaggio. E ho pensato “Mio Dio, adesso avrò tutti gli sguardi addosso, sarà imbarazzantissimo”. E invece non è successo niente, non mi ha riconosciuto nessuno (ride di gusto)».

Per leggere il resto dell’intervista correte a comprare la rivista. Best Movie di dicembre è già in edicola.

Ben Barnes (29 anni) è figlio di uno psichiatra e di una terapeuta. Ha un fratello più piccolo di nome Jack. Attualmente non è fidanzato. Ma è in cerca… Qui è nei panni del Principe Caspian ne I viaggi del veliero

© RIPRODUZIONE RISERVATA