Bob e Harvey Weinstein

Per quasi 30 anni Harvey Weinstein è stato il volto della loro compagnia, prima la Miramax e ora la Weinstein Company, ma dopo lo scandalo che ha sommerso il fratelloBob Weinstein ha deciso che è tempo di cambiare le cose.

Prima di tutto, il produttore ha affermato di aver sempre saputo che il fratello tradisse la moglie Georgine Chapman, ma insiste sul fatto che «non avevo assolutamente idea che fosse quel tipo di predatore» e poi continua affermando di avere «un fratello indifendibile e pazzo» e spera che «avrà la giustizia che merita».

Nell’intervista telefonica rilasciata all’Hollywood Reporter Bob si è lasciato andare e ha parlato di alcuni aspetti dello scandalo: «Mi sembra di vivere un incubo. Mio fratello ha causato moltissimo dolore. E da padre di tre ragazze ho il cuore spezzato per quelle donne che ha ferito. Per tutta la vita sono stato un combattente […] ma non posso combattere per ciò che è indifendibile. Io e i membri del consiglio non eravamo a conoscenza delle azioni di mio fratello. E io lo conosco come nessun altro. È difficile descrivere come mi sento. È una malattia, ma una malattia che non ha scuse» 

Lo stesso produttore è stato vittima degli abusi verbali del fratello e ha dichiarato: «Gli ho chiesto di cercare aiuto per molti anni. È la verità. Ma lui si è sempre rifiutato. Lo abbiamo implorato. Fa male, ma non vedo alcun rimorso da parte sua».

Ma non solo, Bob ha rivelato che da cinque anni ha parlato di rado con il fratello: «Da quando è nata la Dimensions, portavamo avanti due aziende separate. Per cui non ho incontrato quasi nessuno delle persone con le quali facesse affari. […] Ero a conoscenza del fatto che lui fosse un donnaiolo. E sono sempre stato disgustato dal suo comportamento. Ma questo è quello di cui ero a conoscenza».

Parlando, invece, delle sorti dell’azienda che porta il loro nome, Weinstein ha raccontato che stanno discutendo quello che succederà. Prima di tutto hanno licenziato Harvey, ma non vogliono vendere l’azienda, perché dà lavoro a più di 180 persone, ma soprattutto perché «è mio fratello che deve pagare per tutto questo, letteralmente, non la compagnia o i nostri impiegati». Per quanto riguarda il nome, verrà cambiato, «ne sceglieremo uno nuovo. E non avrò il nome della mia famiglia. Ve lo prometto».

Bob ha concluso l’intervista affermando che coopererà al 100% con le forze dell’ordine e confermando che una volta il fratello non gli ruppe il naso come si vociferava a Hollywood, ma «sì, mi ha assalito. E avrei dovuto fare qualcosa allora». Lui stesso in passato ha sofferto di attacchi di rabbia, ma afferma di aver risolto tutto.

Queste le sue ultime parole: «Sono mortificato e disgustato dalle azioni di mio fratello. Mi sento male per le vittime. E mi dispiace davvero per loro»

Leggi anche Harvey Weinstein cacciato dall’Academy: «L’era dell’ignoranza consapevole è finita»

Leggi anche Quentin Tarantino rompe il silenzio sull’amico Harvey Weinstein

Leggi anche Cara Delevingne racconta del suo spaventoso incontro con Harvey Weinstein

Fonte: THR
Foto HP: Getty Images

© RIPRODUZIONE RISERVATA