A differenza di quanto si pensi, Christian Bale era stato ampiamente preso in considerazione per Batman v Superman: Dawn of Justice, vista la sua superba interpretazione nella trilogia di Nolan. Intervistato su Exodus: Dei e re di Ridley Scott sull’ultimo numero di Empire, a Bale è stato richiesto di paragonare Mosé a Batman. «È un po’ imbarazzante paragonarli. (ride)». «Ci sono delle similitudini: un tragico inizio e un eroico finale. Ma Mosé è un po’ più violento. Sono sicura che ci fossero state le pistole all’epoca, Bruce Wayne avrebbe potuto avere una sua chance».

Riguardo a cosa ha provato quando ha saputo che Ben Affleck era stato ingaggiato da Zack Snyder per il sequel dell’Uomo d’acciaio, ha risposto «Devo ammettere che all’inizio, pur essendo dell’avviso di smettere, avevo pensato: “Ma sì dai, facciamone un altro“. E così quando ho saputo che lo faceva qualcun altro, c’è stato un momento in cui mi sono bloccato e sono stato a fissare il nulla per un’ora e mezzo».

Non è chiaro se si riferisse al fatto di approdare in Batman v Superman o in un altro film con Nolan. «Ma ho 40 anni» ha aggiunto. «Il fatto che io sia geloso di un altro che fa Batman, penso di averlo superato adesso. Non ho parlato con Ben, ma gli ho mandato una mail con dei suggerimenti. Immagino che lui stia facendo tutto quello che può per evitare i miei stessi errori».

Fonte: comicbookmovie

© RIPRODUZIONE RISERVATA