Ci siamo quasi. Tutto il mondo dei cosplayer e dei fan di Star Wars si è messa in moto e ha aderito al progetto fan made di Angelo Licata così da portare alla luce anche Dark Resurrection capitolo finale, intitolato I custodi della forza.

Che cos’è Dark Resurrection

Dark Resurrection è il fan movie ambientato nell’universo di Guerre stellari di maggior successo. Che si è meritato anche il plauso della Lucasfilm che aveva autorizzato la proiezione no profit descrivendo il film “Truly amazing”. Un progetto di cui non si può che andare fieri. Noi in primis, sia perché è tutto italiano, nato dalla mente e dalla fantasia creativa di Angelo Licata, sia perché il regista è stato per anni un blogger di Best Movie. Tra le pagine del suo blog ha raccontato tutta la sua passione per il cinema, le serie tv e le difficoltà che ha affrontato per realizzare il suo progetto più ambizioso.

La saga, iniziata nel 2007 con Dark Resurrection – Volume 1 e proseguita quattro anni più tardi con il prequel Dark Resurrection – Volume 0 (guarda il backstage), è arrivata ora al suo capitolo conclusivo,  Dark Resurrection – I custodi della forza.

Dark Resurrection capitolo finale

Le riprese e I custodi della forza si sono concluse da poco. Grazie anche all’aiuto dei fan che hanno partecipato al crowfunding. Solo così è stata possibile la realizzazione di questo ambizioso arco narrativo declinato in parte in un romanzo illustrato e in parte in un prodotto video a metà strada fra il cortometraggio e il trailer.

Grandi scene d’azione, effetti speciali professionali, acrobazie e coreografie di combattimento degni dei film Hollywoodiani fanno di Dark Resurrection un prodotto davvero spettacolare. Come ha dichiarato anche l’attore Michael Segal che nel film ha interpretato il malvagio Lord Drown. Al suo fianco l’eroe del film, interpretato dall’attore e stunt Daniele Balconi, e Olga Shapoval, attrice e modella che ha prestato il suo volto al personaggio di Ruya, una Han Solo al femminile completamente inedita. Oltre agli storici della saga: Giuseppe Licata (Sorran), Maurizio Zuppa (Zui Mar) e Grazia Ogulin (Nemer). Completa il cast la giovanissima Lorenza Testa ha interpretato la piccola Sabine.

Le riprese sono state effettuate a Carmagnola presso lo studio di posa in green screen Ouvert. «Il desiderio di elevare la qualità dei lavori precedenti era fortissimo» ha racconta Angelo Licata. «Per questo ho lavorato a lungo alla previsualizzazione, realizzando l’intero video in animazione in modo da capire con certezza quali riprese erano davvero necessarie. Nel frattempo ho messo insieme una squadra incredibile e piena di talento. Alcuni di loro sono stati una vera sorpresa e potrebbero lavorare senza sfigurare nelle più importanti produzioni internazionali. Negli ultimi anni ho calcato molti set ma Dark Resurrection resta il mio primo amore. L’aria che si respira qui è diversa, è fatta da persone che partecipano
solo per passione. E puoi sentire il fuoco dell’arte in ognuno di loro, un po’ come la “Forza” di Star Wars, ci attraversa, ci tiene uniti, ci lega».

Per assaporare l’opera ci vorrà ancora qualche mese di attesa, ma come per ogni episodio precedente, la visione sarà completamente gratuita.

In esclusiva il dietro le quinte

Aspettando di vedere concluso il film, che ora inizia il delicato e lungo lavoro di post- produzione, vi presentiamo un inedito ed esclusivo video “dietro le quinte” del film.

 

Tutte le foto dal backstage

Qui sotto in calce infine tante foto dal dietro le quinte di Dark Resurrection capitolo finale, intitolato I custodi della forza

© RIPRODUZIONE RISERVATA