«I film si finanziano con gli spettatori, non aspettando i fondi del governo o attraverso altri escamotage contabili». È contrario ai finanziamenti statali per i film Aurelio De Laurentiis, produttore e procuratore di Filmauro, ospite nei giorni scorsi dell’Ischia Global Fest, conclusosi ieri. «Qui in Italia», ha aggiunto De Laurentiis, «i produttori non sono imprenditori ma “prenditori”». Per far fronte alla crisi economica, secondo il produttore, «servono spirito imprenditoriale e innovazioni, defiscalizzazione e il product placement’».

© RIPRODUZIONE RISERVATA