Ve lo abbiamo già detto questa notte. Ieri mattina, ora americana, è morto, per probabile suicidio, Robin Williams.

Queste le dichiarazioni del suo addetto stampa: “Robin Williams è morto questa mattina. Da un po’ di tempo stava combattendo una grave depressione. Si tratta di una perdita tragica e improvvisa. La famiglia chiede rispetto per la propria privacy, in questo momento molto difficile. ”

Queste le parole della moglie:

“Questa mattina, ho perso mio marito e il mio migliore amico, mentre il mondo ha perso uno dei suoi più amati artisti e bellissimi esseri umani. Ho il cuore spezzato. A nome della famiglia di Robin, chiediamo rispetto per la privacy, durante questo periodo di profondo dolore. Per ricordarlo, è nostra speranza che l’attenzione non verrà rivolta sulla morte di Robin, ma sui suoi innumerevoli momenti di gioia e sulle risate che ha donato a milioni. ”

Nel frattempo il mondo dello spettacolo sta manifestando tutto il suo dolore per la perdita di un amico.

UPDATE – 20.46:

La moglie dell’attore, Susan Schneider, rivela oggi che Robin Williams al momento del suicidio era ai primi stadi del Parkinson: «La sobrietà di Robin era intatta e lui era molto coraggioso nel continuare a combattere contro i suoi problemi di depressione, l’ansia e i primi stadi del Parkinson, di cui non era ancora pronto a parlare in pubblico».

UPDATE – 17.10:

Lo sceriffo della contea di Marin ha confermato che a trovare il corpo senza vita dell’attore è stata la sua assistente personale Rebecca Erwin Spencer, da anni amica e confidente di Williams. L’ultima persona invece a vedere vivo l’attore è stata la moglie Susan Schneider, che lo ha salutato prima di andare a dormire nella sua stanza.

UPDATE – 21.30:

Stando a quanto riferito da LA Times, Robin Williams ha inizialmente cercato di tagliarsi il polso sinistro con un coltellino (procurandosi unicamente ferite superficiali) per poi passare alla propria cintura, impiccandosi. Verranno fatti gli esami tossicologici per escludere eventuali altre cause della morte, ma pare ormai certo che l’attore si sia suicidato per impiccagione. Nessun biglietto d’addio è stato ritrovato per ora.

UPDATE – 11.10:

L’autopsia di  Robin Williams è prevista per oggi, martedì 12 agosto e si terrà presso l’ufficio del coroner della contea di Marin a San Rafael, in California.
Il premio Oscar è stato trovato morto nella sua casa dopo che l’ufficio dello sceriffo della contea di Marin ha ricevuto una chiamata proveniente da casa Williams. Il grande attore non respirava già più quando sono arrivati i paramedici ed è stato dichiarato morto alle 12:02 (ora locale). Per ora la causa della morte è da ritenersi suicidio per asfissia. Sappiamo anche che recentemente Williams era entrato in un periodo di riabilitazione causato dall’abuso di droga e che stava combattendo da un po’ una grave depressione.

Leggi le dichiarazioni di chi ha avuto il piacere di conoscerlo i Tweet in ricordo dell’attore (tra cui quello della figlia Zelda, e dell’Academy), i film postumi e il nostro saluto personale al grande attore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA