L’attesa è quasi finita, mancano due giorni all’uscita di Harry Potter e i doni della morte – Parte 1 (il 19 novembre), i fan di tutto il mondo sono in fermento.

Gli attori del film sono ospiti di vari programmi televisivi americani, e non solo, per la promozione del film. Tra le varie interviste vogliamo proporvi quella a Emma Watson, alias Hermione, fatta da David Letterman al suo Late Show, uno dei Talk Show di punta della rete televisiva americana CBS.

Dave introduce la sua ospite e rimane un po’ spiazzato, Emma è decisamente cresciuta, non è più la bambina che si ricordava, ora è una donna. Per fare un piccolo raffronto le mostra subito due foto affiancate che la ritraggono alla prima di Harry Potter e la Pietra Filosofale, quando aveva 11 anni, e alla première della scorsa settimana, Emma le guarda divertita. Il curioso Letterman chiede se per caso il suo taglio di capelli sia stato un gesto simbolico, «Di solito una donna cambia look dopo la rottura di un lungo fidanzamento – risponde – io stavo rompendo con Harry Potter ed era quindi il momento di un nuovo look».  Subito dopo le domanda se le sia pesato interpretare per così tanto tempo lo stesso ruolo, «una vita dominata da Harry Potter!» Emma ribatte subito che questo ha voluto dire che per metà della sua vita ha fatto l’attrice, ovvero quello che voleva fare, e non è certo cosa da poco; aggiunge poi che ha da poco finito di girare un film dal titolo My Week With Marylin.

I due continuano l’intervista, Emma inizia a raccontare della sua esperienza al college, dove si è iscritta alla facoltà di storia, e iniziano ad ironizzare sulla differenza tra la lingua inglese e l’americano, (la Watson è nata a Parigi ma dall’età di 5 anni si trasferisce in Inghilterra) : «Io credevo ci fossero differenze linguistiche basilari, soprattutto d’accento, ma ho scoperto che ci sono cose che non riesco proprio a comunicare. L’altro giorno mi ero tagliata e ho cominciato a  chiedere un cerotto (patch in inglese), ho impiegato qualche minuto per capire che dovevo chiedere un band-aid». «Vedi – ribatte sarcasticamente Letterman – c’è qualcosa di particolare nei ragazzi americani, loro ti vedono sanguinare e non riescono proprio a capire cosa tu gli stia chiedendo…!»

L’intervista prosegue tra battute sarcastiche e aneddoti  che rendono ancor più simpatica Emma Watson. (Foto Kika Press)

Per vedere l’intervista, cliccate qui.

Guarda la photogallery dedicata a Harry Potter e i doni della morte – Parte 1

Visita la sezione Harry Potter

Guarda le foto del concorso “Svela il mago che c’è in te

© RIPRODUZIONE RISERVATA