Dopo un percorso travagliato, il terzo capitolo di Ghostbusters ha preso la sua strada. Discutibile per alcuni, ma comunque precisa: diretto da Paul Feig, il film avrà come protagonisti Acchiappfantasmi donne. In origine, però, la storia avrebbe dovuto essere diversa: nel 2009 Gene Stupnitsky e Lee Eisenberg, gli sceneggiatori della serie NBC The Office, avevano firmato uno script che Universal stava quasi per approvare. Purtroppo la scomparsa di Harold Ramis e le perplessità di Dan Aykroyd fermarono tutto. Oggi, però, a distanza di cinque anni, una fonte anonima avrebbe consegnato al sito Bloody Disgusting proprio quel copione, in versione leaked. Ecco, qundue, come avrebbe potuto essere Ghostbusters 3:

Gli Acchiappafantasmi non lavorano più in proprio ma sono diventati una vera e propria corporation, la Ghostbusters Inc. Il cui direttore Todd Prendaghast, però (che tiene Slimer rinchiuso in un’unità di contenimento di vetro appesa al muro come trofeo) ha declassato Ray e Egon da titolari della società a posizioni minori, perché ritenuti responsabili della disrtuzione del Triborough Bridge durante il combattimento con uno spirito maligno. Anche Winston è presente, ma lavora come meccanico. Con loro c’è anche Oscar Barrett, figlio di Dana. Peter, invece, è diventato sindaco di New York City dopo aver vinto le elezioni con una campagna… anti Ghostbusters, motivo per cui i suo ex colleghi e amici hanno perso contatti con lui. Janine gli fa da segretaria e consigliera personale. Le cose cambiano quando sulla Grande Mela comincia ad aleggiare lo spirito di un certo Wolfram Von Grauen, architetto dell’800 impazzito e poi rinchiuso nel manicomio di Staten Island. La città è in preda al panico, così Peter riesce a convincere Prendaghast a riconsegnare a ray e Egon il posto che gli spetta e, liberato Slimer e ripreso il volante della Ecto 1, si lanciano nella nuova missione, non prima di aver reclutato nuove reclute tra cui Oscar. Nella battaglia finale, con i suoi poteri lo spirito di Grauen ha evocato una piovra gigante dall’oceano e l’unico modo per annientarla è incrociare i flussi. Peter prende quindi il posto di Oscar per salvargli la vita e, consci dei rischi, gli Acchiappafantasmi riescono a vincere, morendo però nell’esplosione. A distanza di anni, la Ghostbusters Inc. viaggia a gonfie vele, e nell’ultima scena Janine incrocia i fantasmi di Peter, Ray e Egon, impegnati a giocare a carte.

Fonte: Bloody Disgusting

© RIPRODUZIONE RISERVATA