La notizia del possibile ritiro dalle scene di Jack Nicholson, fortunatamente subito smentita dalla sua agente, aveva gettato nello sconforto i fan dell’attore premio Oscar: nonostante i suoi 76 anni, infatti, Nicholson è ancora una delle stelle più amate di Hollywood, e anche se è dal 2010 che non recita (Come lo sai, per la cronaca) la speranza di vederlo tornare in un nuovo capolavoro è difficile da abbandonare. Oggi, intervistato dal Sydney Morning Herald, Nicholson approfondisce l’argomento solo sfiorato dai rumor delle scorse settimane, svelando che se non recita più da anni è perché «non ha la spinta giusta». Queste le sue parole:

«Non lavorerò fino al giorno della mia morte, non è per questo che ho scelto questo lavoro. Una volta ero spinto a girare tanti film, oggi molto meno. A essere onesto, c’è una parte di me che non ha mai amato l’esposizione mediatica, e più invecchi, più cambi, più queste sensazioni si accentuano. È bello fare film, ma a me interessa farne che possano emozionare la gente, che parlino alle persone di sentimenti. Ho fatto un pensiero agghiacciante: la gente tra i venti e i trent’anni non è più interessata a farsi emozionare. Vogliono solo vedere bombe ed esplosioni, perché è così che sono cresciuti. Non farò mai un film del genere».

I venti/trentenni di tutto il mondo ti chiedono dal profondo del cuore di cambiare idea, Jack. Sulla tua carriera – e anche sulle presunte aspettative dei “giovani”…

Fonte: Sydney Morning Herald

© RIPRODUZIONE RISERVATA