marvel mcu

Loki ha sganciato la bomba: da quando è stato introdotto il concetto di linee temporali alternative e di Varianti nell’Universo Marvel, è scattato il fanciullesco “vale tutto”. Per molti, la serie è il vero spartiacque tra la Fase 3 e la 4, dove a dominare sarà soprattutto il concetto di Multiverso. Un possibile primo effetto si è visto nel trailer di Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli.

Uscito nei giorni scorsi, il nuovo sguardo al film sul supereroe asiatico (per la verità fin qui non atteso con spasmodica trepidazione) ha alzato di colpo le aspettative e l’interesse grazie ad un personaggio. Nel trailer ha fatto la sua ricomparsa Abominio, visto l’ultima volta in The Incredible Hulk del 2008 interpretato da Tim Roth.

In molti sono rimasti sorpresi dal vederlo lottare con Wong nel film Marvel in arrivo il prossimo settembre e, naturalmente, sono partite subito le speculazioni. Sinora, infatti, era previsto che il personaggio potesse tornare nella serie She-Hulk con Tatiana Maslany, non di certo in quello con Simu Liu. Non c’è dubbio però che sia proprio lui, lo ha confermato anche Kevin Feige durante un’intervista a Rotten Tomatoes:

«Alcuni fan hanno detto ‘Questo personaggio che sta combattendo con uno che assomiglia a Wong assomiglia molto ad Abominio’. E posso dire che la ragione per cui lo sembra è perchè è davvero Abominio che combatte contro Wong […] È divertente avere un personaggio che non abbiamo visto su schermo per oltre un decennio e ora torna nell’MCU. E vedere i fan che in quel punto del trailer lo riconosco e realizzano lo è ancora di più»

Ma come è possibile che Emil Blonsky aka Abominio sia finito in Shang-Chi? Secondo una teoria circolata in queste ore, quello potrebbe non essere il personaggio che abbiamo visto nel film di Hulk. Il primo dubbio arriva dal fatto che il suo aspetto è un po’ cambiato, a differenza dell’Omone Verde con cui condivide le origini a base di raggi gamma.

Viene quindi tirata in ballo la Time Variance Authority di Loki, proprio lei. Nella serie sul Dio dell’Inganno la Sacra Linea Temporale viene bombardata e si creano diverse ramificazioni e possibili universi alternativi in cui, se non fermate, possono proliferare le temute Varianti. Secondo la teoria, l’Abominio visto nel trailer sarebbe appunto una Variante.

L’aspetto del personaggio sarebbe più simile ad altre versioni rispetto a quella cinematografica, viste soprattutto negli albi dedicati a Hulk. Possibile quindi che il nuovo/vecchio Abominio sia una Variante e che il film in arrivo sia così direttamente collegato agli eventi della serie? D’altronde, da adesso con il Multiverso di mezzo sembra valere proprio tutto.

Voi cosa ne pensate? Vi piacerebbe rivedere proprio Tim Roth nella parte? Fatecelo sapere nei commenti.


Quanto alla serie Loki, ricordiamo che lo show tornerà su Disney+ mercoledì 30 giugno con il suo quarto episodio. Scritta da Michael Waldron e diretta da Kate Herron, la serie vanta un cast che, oltre al protagonista, comprende nomi come Owen Wilson nei panni di Mobius M. Mobius, un analista della Time Variance Authority; Gugu Mbatha-Raw nel ruolo di Ravonna Lexus Renslayer, una giudice della TVA; e Wunmi Mosaku come Hunter B-15. Al loro fianco anche Sophia Di Martino, che interpreta la Variante Sylvie, Richard E. Grant, Sasha Lane, Erika Coleman ed Eugene Cordero.

Qui di seguito la sinossi ufficiale:

Subito dopo aver rubato il Tesseract (di nuovo), Loki si ritrova davanti alla Time Variance Authority, un’organizzazione burocratica che esiste al di fuori del tempo e dello spazio. Costretto a rispondere dei suoi crimini contro la cronologia, il Dio dell’Inganno ha una scelta: la sua totale cancellazione dalla realtà o aiutare la TVA ad affrontare una minaccia ancora più grande.

Foto: Marvel Studios

Fonte: CBR

© RIPRODUZIONE RISERVATA