Avete in mente Meg, l’adolescente complessata, pure bruttina, di casa Griffin? Bene, scordatevela, perché colei che negli Stati Uniti le dà voce non ha proprio nulla in comune con il “suo” personaggio. Sarà che a 14 anni Mila Kunis (all’anagrafe Milena Markivna Kunis) entrava eccezionalmente (i provini erano aperti solo ai maggiorenni) a far parte del cast della sit-com That ’70s Show, conquistandosi quello che da lì a poco si sarebbe rivelato un importantissimo trampolino di lancio. Sarà anche che questa 28enne nata a Kiev e cresciuta a Los Angeles ha un padre che (per fortuna) non si chiama Peter Griffin e che all’età di 9 anni la iscrisse a una scuola di recitazione, la Beverly Hills Studios, mettendola in contatto con colei che sarebbe diventata la sua agente. Sarà che, oltre a una buona dose di fortuna, questa bellezza dagli occhi verdi, anzi uno verde e uno blu (l’eterocromia è un dei suoi tratti distintivi) e i capelli castani, ci ha messo del suo. Sicuramente determinazione, cosa facilmente prevedibile da una ragazza che adora gli Aerosmith (tanto da essere stata protagonista di uno dei loro video, “Jaded” del 2001), è fan dichiarata del videogame World of Warcraft ed è cresciuta a suon di Dirty Dancing. Dopo tante piccole partecipazioni a serie di successo (da Walker Texas Ranger a Baywatch), nel 2008 la svolta cinematografica con la parte di Mona Sax in Max Payne accanto a Mark Wahlberg. L’anno successivo ha duettato con Denzel Washington nel post-apocalittico Codice: Genesi per poi adeguarsi ai ritmi comici di Notte folle a Manhattan con Steve Carell e Tina Fey. A settembre 2010 l’abbiamo vista sfilare, pardon ballare, alla Mostra di Venezia dove ha presentato Il cigno nero, diretto da Darren Aronofsky con protagonista Natalie Portman, sua rivale e amante… ma solo sullo schermo.(Foto: Getty Images)

Per leggere il resto dell’articolo corri a comprare la rivista. Best Movie di ottobre è già in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA