«Se potete sognarlo, potete farlo!». Pronunciata da Walt Disney, questa frase diventò lo slogan della casa di Topolino. Una frase che sembra essere stata presa alla lettera dalla Stan Lee Media Inc. (SLMI), la quale ha deciso di intraprendere una causa contro il colosso Disney. Il motivo? Secondo l’ex compagnia creata dal papà Marvel, Disney non sarebbe in possesso dei diritti di sfruttamento dei suoi supereroi.

«Walt Disney Company ha dichiarato pubblicamente che, di fatto, possiede i diritti d’autore di questi personaggi e di altri centinaia creati da Stan Lee. Tali dichiarazioni rese al pubblico da Walt Disney Company sono false», recita l’accusa di Stan Lee Media Inc.

E se pensate che quest’ultima si accontenterà delle briciole, vi sbagliate di grosso. La compagnia è, infatti, determinata a chiedere il massimo risarcimento per i profitti titanici riscossi da Disney nel corso degli anni sfruttando, illegalmente, i personaggi Marvel, e ad assumere il pieno controllo di questi. Basi pensare che a entrare nelle tasche di Topolino sono stati circa 5,5 miliardi di dollari, tra cinecomic e merchandising. Tra i personaggi in questione sono inclusi Iron Man, Spider-Man, la maggior parte del team dei Vendicatori (The Avengers), la squadra degli X-Men e molto altri.

Stan Lee Media Inc. sarebbe entrata in possesso dei diritti dei supereroi creati da Stan Lee nell’ottobre del 1998, ripagando il papà Marvel in azioni che successivamente si sono rivelate senza valore a causa della bolla economica della fine degli anni ’90. Stranamente, però, pare che Stan Lee abbia ceduto soltanto un mese dopo i diritti delle sue creazioni alla Marvel Enterprises Inc., nel novembre del 1998. Da che parte penderà l’ago della bilancia? A questo punto non resta che attendere il verdetto del giudice!

(Fonte: Deadline)

© RIPRODUZIONE RISERVATA