Se cercate una dimostrazione che i cinecomics non sono più (solo) roba per bambini non dovete fare altro che alzare lo sguardo e scrutare tra i grattacieli di New York, dove potreste vedere volare, appeso solo al filo di una ragnatela, quell’Amazing Spider-Man che presto tornerà al cinema con un secondo capitolo, sempre firmato Marc Webb. E nel quale saranno un premio Oscar e un quasi-premio Oscar a coprire i ruoli dei villain: nei panni di Electro troveremo infatti Jamie Foxx, mentre in quelli di Rhino Paul Giamatti. Ed è proprio quest’ultimo, intervistato da Collider (il video è qui sotto), a svelare dettagli interessanti non tanto su The Amazing Spider-Man 2 («Non mi ero mai trovato circondato da paparazzi durante le riprese di un film!»), quanto sui due sequel previsti rispettivamente per il 2016 e il 2018. Innanzitutto, Giamatti conferma di aver firmato un contratto per più film, anche se «sarò nel sequel, ma non credo sarò nel sequel del sequel» – significa che Rhino non morirà nel secondo capitolo? E che magari nel terzo si farà aiutare dai Sinistri Sei, dei quali già si era parlato in passato come possibile gruppo di supercattivi? Giamatti non smentisce, anzi: «Credo di poter dire che tutte le strade portano a quella soluzione».

Qui sotto, l’intervista completa a Paul Giamatti, che parla anche di vino e di Downton Abbey:

Fonte: Collider

© RIPRODUZIONE RISERVATA