Emma Stone, a Roma per l’anteprima di The Amazing Spider-Man, sta divorando una fetta di pizza margherita,  in scintillante contrasto (e a forte rischio di macchia) con l’elegante abitino bianco che la fascia. Bianca è anche lei, e viene da chiedersi come sia possibile, dato il sole che picchia impietoso sulla capitale. Confessa di non essere rimasta chiusa in camera, ma di aver visitato la città e mangiato – molto bene, a suo dire – a Trastevere.
Emma ha 23 anni e viene osannata come una delle attrici più promettenti della sua generazione. A guardarla, così giovane e pallida, è inevitabile il confronto con un’altra giovanissima star, Kristen Stewart. Ma il paragone si ferma qui, perché la Stone dimostra una giovialità e una sicurezza di sé, nel parlare con i giornalisti, che mancano indubbiamente alla sua bruna collega.

In The Amazing Spider-Man, nelle sale italiane a partire dal 4 Luglio, Emma interpreta Gwen Stacy, compagna di liceo del goffo protagonista Peter Parker e sua cotta segreta (nemmeno troppo segreta, a ben guardare).
BestMovie ha scambiato quattro chiacchiere con questa stella nascente del firmamento hollywoodiano.

Com’è stato affrontare un personaggio come Gwen Stacy, che da quasi cinquant’anni vive sulle pagine di uno dei fumetti più famosi del mondo?
Certo non facile. Gwen è un personaggio molto popolare, come tutti quelli della saga di Spider-Man, ed ho sentito molto il peso della responsabilità nei confronti dei milioni di fan che la seguono da anni. Tuttavia, mi sono resa conto dell’impossibilità di offrire un ritratto che potesse soddisfare tutti gli appassionati, dal primo all’ultimo. Mi sono quindi affidata al mio istinto, offrendo la mia personale interpretazione di Gwen. Potrà essere condivisibile o meno, ma è la mia visione di questo personaggio.

Quali sono le caratteristiche imprescindibili che, secondo te, dovrebbe possedere un supereroe?
L’onestà, la dedizione alla propria causa e l’altruismo, che è la base di tutto. Sono virtù fondamentali per essere un eroe, prima che un supereroe.

Nel film, ti trovi fianco a fianco con un personaggio che si arrampica sui muri e si lancia da un palazzo all’altro. Anche tu sei direttamente coinvolta in alcune sequenze d’azione. Hai una preparazione sportiva alle spalle?
Decisamente no. Non pratico sport, in compenso amo molto ballare (e qui Garfield si intromette ed insinua che Emma abbia una passione per la danza del ventre… , NdR). In realtà, la caratteristica principale di Gwen non è – per mia fortuna – la prestanza fisica, ma la sua straordinaria intelligenza. È una ragazza brillante, che condivide la passione di Peter per la scienza ed arriva a collaborare con un luminare, il prof. Connors. Una donna tutto cervello e niente muscoli, insomma. Non dimentichiamo che Gwen si innamora di Peter, non di Spider-Man. È attratta dalla sua mente scientifica e dal suo carattere, non dalle sue azioni eroiche.

Girano voci sul fatto che tu ed Andrew Garfield abbiate instaurato una relazione anche fuori dal set. Confermi?
Noi non ci siamo mai pronunciati su questo argomento… quindi, non lo faremo nemmeno oggi!

Un’altra coppia cinematografica, dopo i Robsten, il cui amore corre sul filo della clandestinità… Dovremo aspettare ancora, a quanto pare, per poter dire di avere i nuovi Brangelina.

Leggi anche la nostra intervista a Emma Stone

Leggi anche la nostra intervista a Andrew Garfield

Leggi anche la nostra intervista a Rhys Ifans

A tu per tu con il cast, il regista e i produttori di The Amazing Spider-Man

Guarda le foto del red carpet

Guarda le foto del photocall

Ecco cosa pensa Best Movie di The Amazing Spider-Man

Vi ricordiamo che abbiamo dedicato la cover di Best Movie di giugno a The Amazing Spider-Man. Cliccate sulla foto per sfogliare online la rivista:

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA