Hall Baltimore è uno scrittore di romanzi horror. In tournée per promuovere il suo nuovo romanzo – non esattamente un successo – finisce a Swan Lake, sperduto paesello di provincia dominato da una torre con sette orologi (tutti puntati su un’ora differente), in cui vivono solo “vagabondi, orfani e anziani, per lo più gente che vuole essere lasciata in pace”.
Talmente in pace che in giro per strada non si vede nessuno, e i pochi che si vedono, come lo sceriffo Bobby LaGrange (Bruce Dern), hanno pessimi ricordi: qui, nel 1955, un pazzo fece una strage di ragazzini.

Twixt
(guarda il promo trailer) terzo film a basso budget messo in piedi in assoluta autonomia produttiva da Francis Ford Coppola, che oltre a dirigere è autore della sceneggiatura. Dopo il fantasy esistenzialista (Un’altra gioivinezza) e il melò familiare (Segreti di famiglia), stavolta sceglie l’horror gotico, venato di un’ironia surreale e grottesca che ricorda il Lynch di Twin Peaks.

Il campionario del genere è proposto al completo: segrete, catene, fantasmi, cimiteri, addirittura Edgar Allan Poe (Ben Chaplin), che di notte appare nei sogni del protagonista per svelargli il passato di Swan Lake (e dargli qualche consiglio di scrittura).
Nell’abbondanza, è anche il limite del film: si parte dalla storia di un serial killer, si passa per spettri vecchio stile, e si finisce a parlare di vampirismo. E nel frattempo la si butta pure in commedia, ricamando su nevrosi e vita familiare del protagonista, con una moglie vipera sempre all’arrembaggio via skype. Per tutto non c’è spazio a sufficienza, né adeguata consistenza narrativa.

E non basta: Coppola sperimenta anche sul linguaggio, alternando 2D e 3D, con le due sequenze tridimensionali (più i titoli di coda) introdotte da un segnale che più che a un film fa pensare a un Luna Park: sullo schermo compaiono per qualche istante in primo piano degli occhialini rossi e blu, di quelli che si usavano una volta.
Detto questo, Twixt suscita comunque una certa simpatia: non solo per la passione e l’ardore cinefilo che ne trabocca, ma anche per una sequenza – quella dell’incidente in barca della figlia del protagonista – che è dettaglio dolorosamente autobiografico: nel 1986 Coppola perse così un figlio appena 22enne.

Per seguire in diretta il Festival di Toronto 2011 visitate la nostra sezione dedicata che aggiorneremo giorno per giorno con tutte le novità

© RIPRODUZIONE RISERVATA