Seconda puntata del diario veneziano di Zerocalcare. Un programma di giornata intenso in quanto ad appuntamenti in sala, da Arrival, sci-fi di Denis Villenueve (applauditissimo: qui la nostra recensione) a La luce sugli oceani, melò con Michael Fassbender e Alicia Vikander (che ha convinto un po’ meno, invece: qui la nostra recensione). Oltre a questi due film, però, in agenda Zero aveva anche Les Beaux Jours D’Aranjuez, il film in 3D – e in concorso – di Wim Wenders, con al centro il lungo dialogo di un uomo e una donna all’ombra degli alberi, con la silhouette di Parigi in lontananza.

Un bel titolone d’autore, la cui visione ha rivelato una serie di inconvenienti imprevisti: il fumettista ce li racconta nelle tavole che potete leggere qui di seguito.

Leggi anche: Venezia 73, il diario di Zerocalcare: il Day One e La La Land e visita la nostra sezione dedicata al Festival

© RIPRODUZIONE RISERVATA