Pubblichiamo la quinta puntata del nostro approfondimento sulla storia del merchandising cinematografico, con cui ripercorriamo tutte le tappe che hanno reso le action figure, i gadget, i giocattoli e i prodotti più bizzarri ispirati ai film un vero e proprio culto per tutti gli appassionati di cinema.

Seguendo le orme dei suoi predecessori, il film fantascientifico E.T. l’extra-terrestre (1982), diretto da Steven Spielberg, fu oggetto di una grande promozione caratterizzata da pupazzi di ogni dimensione e tipo possibile, giochi da tavolo, magliette e action figure con il cuore di E.T. che si illuminava (nella foto). Inoltre venne realizzato uno dei primi videogiochi tratti da film, come altri che hanno segnato un’epoca quali Tron (1982) e Ghostbuster (1984). E.T., Tron (guarda caso prodotto da Disney) e Ghostbuster furono i primi film a sfruttare il merchandising cinematografico realmente a 360 gradi, intuendo la potenzialità del videogame, attualmente tra le fonti promozionali più redditizie.

Un’altra volta, cavalcando il cambiamento, la Casa delle Idee è stata capace di evolversi con i tempi e, coraggiosamente, cambiare. A portare una svolta nel mondo Disney è stata infatti la casa cinematografica Pixar che, acquisita nel 2006, ha consentito al colosso dell’animazione di ampliare ulteriormente la sua presenza nel mondo dei giocattoli e dei gadget per bambini con personaggi più moderni rispetto ai suoi classici. Parte rilevante di questa “rivoluzione disneyana” è da assegnare anche ai messaggi più profondi contenuti nei nuovi cartoni animati in computer grafica come Toy Story, Monster & Co., Alla ricerca di Nemo, Cars, Gli incredibili, Ratatouille, Wall-E e il premio Oscar Up che, dopo aver conquistato il cuore dei più piccoli, hanno fatto breccia anche in quello degli adulti.

Vai al capitolo successivo Film e gadget: Un anello per legarli

Torna al capitolo precedente Film e gadget: Il giocattolo si trasforma in pezzo da collezione

Torna all’indice del nostro speciale











Verso l’infinito e oltre!











Una delle innumerevoli versioni di Saetta McQueen









Le action figure “vintage”  del Tron originale




















…e un esempio di quelle moderne
















“Chi chiamerai?”













© RIPRODUZIONE RISERVATA