La nouvelle vague dell’animazione porta la tradizione Disney al collasso e non è un caso che la Casa di Topolino, tanto indietro rispetto alla nuova domanda del mercato, arrivi sul grande schermo con il suo primo flop: Taron e la pentola magica (1985), che negli USA incassa appena 21,2 milioni di dollari (un fiasco totale se si pensa che già nel 1977 un classico “minore” come Le avventure di Bianca e Bernie negli USA supera i 71,2 milioni di dollari). Tuttavia, la major impara alla svelta la lezione e dai suoi avversari trae ispirazione. La tecnica di doppiaggio usata per Akira viene, ad esempio, replicata immediatamente da Disney, che riesce a riprendersi dalla fase di stallo solo nel 1989, quando grazie a La sirenetta (e a un incasso mondiale di oltre 211 milioni di dollari) riuscirà a inaugurare un nuovo decennio d’oro, che arriverà fino al successo di A Christmas Carol di Zemeckis, per un totale di oltre 100 lungometraggi d’animazione prodotti (compresi i film misti e quelli destinati direttamente all’home-video).

Ecco il trailer di A Christmas Carol con Jim Carrey che interpreta otto personaggi, grazie alla “magia” del motion capture.

Guarda il servizio video In viaggio per cartoonia.

Guarda la photogallery In viaggio per cartoonia.

Torna all’indice dello speciale

© RIPRODUZIONE RISERVATA