Inizia oggi il nostro viaggio nel mondo degli spot d’autore, un viaggio che toccherà i nomi più illustri della cinematografia internazionale. Ogni giovedì, con la nostra rubrica, vi guideremo attraverso le pubblicità più famose degli ultimi anni raccontandovi curiosità e aneddoti e facendovi fare anche qualche tuffo nel passato che non mancherà di sorprendervi…

Martin Scorsese, Brian Synger, David Lynch, Frank Miller, Giuseppe Tornatore, e non solo loro,  “tutti contro tutti”, questa si che è una bella sfida tutta da vedere.

Già, ma per vederla non serve recarsi in sala, basta starsene comodamente seduti sul divano e non cambiare canale durante le interruzioni pubblicitarie.

Ebbene si, se solo qualche anno fa non potevamo sopportare l’idea che il nostro film preferito fosse interrotto dalla pubblicità, ora rischiamo di attendere quei  cinque minuti di “nero”, nella speranza di poter “incappare” nel nuovo spot diretto da Frank Miller per Gucci oppure di vedere Audrey Tautou, diretta da Jean Pierre Jeunet, a bordo dell’Orient Express immersa in un’atmosfera magica e misteriosa per Chanel.

I tempi in cui lo spot (che difficilmente durava più di un minuto), era fine a se stesso sembrano essere ormai lontani. Oggi lo scopo dello spot non è solo presentare un prodotto ma è raccontare una storia, coinvolgere lo spettatore, suscitare in lui ricordi ed emozioni forti; farlo ridere e piangere, insomma  fare tutto questo, e anche di più, ma soprattutto farlo meglio della concorrenza. È qui che inizia la “gara” tra le grandi aziende che cominciano a reclutare attori famosi e registi di culto che siano in grado di trasformare uno spot qualsiasi in un vero e proprio cortometraggio.

Quello di produrre uno spot d’autore oggi è diventato un “must” per le grandi aziende che vi ricorrono non solo per presentare il proprio prodotto, ma anche per “celebrare” se stesse, a questo proposito vi ricordiamo lo spot che Barilla ha realizzato per i suoi 150 anni diretto niente meno che da Wim Wenders.

Questa tendenza non è nuova, basta guardare indietro di qualche anno per ritrovare nomi del calibro di Terry Gilliam, Ridley Scott, David Lynch, Woody Allen rispettivamente dietro la macchina da presa per Nike, Apple, Calvin Kline e Coop.

Gli spot d’autore abbracciano varie categorie di prodotti, anche se  i vari registi sembrano dare il meglio per grandi case di moda realizzando spot per i loro profumi o il loro abbigliamento: a ben guardare dietro la macchina da presa delle pubblicità  di Dior, Chanel, Armani, D&G, Nike e Adidas troviamo sempre qualche nome prestigioso.

Per molti registi lo spot è stato l’esordio, ad esempio, i fratelli Ridley e Tony Scott prima di dirigere per il grande schermo sono stati fondatori di  un’agenzia pubblicitaria la RSA che si occupava e si occupa tutt’oggi della produzione di spot televisivi.

Rientrando in patria, anche il “nostrano” Alessandro D’Alatri, prima di essere regista cinematografico, è stato, e lo è ancora, un regista di spot televisivi di grande successo. Vi ricordate il tormentone “Ciribiribì Kodak” che tanto ci ha accompagnato all’inizio degli anni ’90? Ebbene sua è la regia, così come delle varie campagne Tim con protagonista Christian De Sica e di Telecom (allora SIP) con il “condannato a morte” Lopez, che si salvava grazie alla famosa telefonata.

Rimanendo in Italia notiamo che anche i nostri registi non se ne sono rimasti certo con le mani in mano, basta citare “il maestro” Federico Fellini che, negli anni ’80, ha firmato la regia di spot per Barilla e Campari. Prima di lui come non citare il mitico Carosello (di cui recentemente è uscita una raccolta in Dvd), il “contenitore pubblicitario” che dal 1957 al 1977 ha segnato le serate degli italiani, che pian piano scoprivano la televisione. Il Carosello è stato vetrina di alcuni dei nomi più illustri della televisione italiana, all’interno della trasmissione infatti, hanno mosso i primi passi registi di culto quali Sergio Leone, Pupi Avati, Ermanno Olmi e moltissimi altri.

Tornando ai giorni nostri ci troviamo a  “scomodare” i nomi di Salvatores e Tornatore (suo il memorabile spot del profumo D&G Sicily con una giovane Monica Bellucci nelle vesti di un’”inconsolabile” vedova), passando per Muccino, Bellocchio e molti altri.

Il fascino della pubblicità, d’altra parte, da sempre ha contagiato anche gli attori, chiamati a prestare i loro volti come testimonial d’eccezione ai prodotti più disparati del mondo… Ma per convincere una star a girare uno spot, spesso ci vuole un nome altrettanto forte dietro la macchina da presa. In molti casi, infatti, i registi che vedrete in questa rubrica hanno diretto interpreti famosi, o che lo sarebbero diventati presto: da Brad Pitt a George Clooney, da Naomi Watts a Monica Bellucci

Come avrete capito da questa breve introduzione, il mondo degli spot d’autore è un “mare magnum” di nomi che nasconde delle vere e proprie sorprese. Noi abbiamo osato scoperchiare questo vaso di Pandora ed ora, se vorrete seguirci, vi accompagneremo attraverso un viaggio nel mondo degli spot d’autore, del presente e del passato, che vi sorprenderà!

C’è uno spot che avete particolarmente amato e volete rivedere, o magari uno che non avete mai sopportato? Aspettiamo i vostri commenti e le vostre segnalazioni

E ora pubblicità ma, mi raccomando, non cambiate canale!!!

  1. Spot d’autore: Le sirene di Michel Gondry
  2. Spot d’autore: Se Frank Miller ci mette lo zampino… (anche in 3D)
  3. Spot d’autore: Un tango per Monica Bellucci
  4. Spot d’autore: Moulin Rouge in 30 secondi…
  5. Spot d’autore: Quei “diavoli” della Nike
  6. Spot d’autore: The Hire, otto grandi registi al servizio di BMW
  7. Spot d’autore: The Hire, otto grandi registi al servizio di BMW (guarda i video)
  8. Spot d’autore: Se Gandhi potesse parlare oggi
  9. Spot d’autore: Marion Cotillard donna del mistero per la campagna Lady Dior
  10. Spot d’autore: Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana, David Beckham e Snoop Dogg…
  11. Spot d’autore: Una telefonata allunga la vita…
  12. Spot d’autore: Wim Wenders e Alessandro Baricco raccontano la Barilla in 90′
  13. Spot d’autore: Francis Ford Coppola omaggia Fellini
  14. Spot d’autore: Speciale “sotto l’albero”
  15. Spot d’autore: La ricetta segreta di Giuseppe Tornatore
  16. Spot d’autore: Se Woody Allen fa la spesa alla Coop
  17. Spot d’autore: Terry Gilliam e i calciatori in gabbia
  18. Spot d’autore: Progetto perFiducia, quando corto d’autore diventa spot
  19. Spot d’autore: Dario Argento, una Fiat Croma da “brivido”
  20. Spot d’autore: Un treno carico di Chanel
  21. Spot d’autore: Federico Fellini, il maestro al servizio della tv
  22. Spot d’autore: Sergio Leone e l’anima western della pubblicità
  23. Spot d’autore: Dior, lo spot che vale un Oscar, anzi due
  24. Spot d’autore: Carosello, l’origine dello spot (d’autore e “d’attore”) in Italia
  25. Spot d’autore: La “saga” Nespresso, un caffè con George Clooney e non solo…
  26. Spot d’autore: “Cose” mai viste! (Parte I)
  27. Spot d’autore: “Cose” mai viste! (Parte II)



© RIPRODUZIONE RISERVATA