Zaino in spalla, press badge in bella mostra sulla mia maglietta di Breaking Bad (unica vista in giro a San Diego oggi, ci tengo a rivendicare il primato!) e tanta pazienza. L’attesa è stata degnamente ripagata appena sono entrato nella gloriosa Ballroom 20, decisamente gremita da uno stuolo di fan venuti da ogni dove. Alle sei in punto un giovane delegato della Warner si è presentato al pubblico annunciando purtroppo che il pilot di una delle nuove serie annunciate per la serata, iZombie, non sarebbe stato mostrato agli appassionati a causa di problemi tecnici. Si è comunque iniziato con The Flash, l’atteso nuovo supereroe proveniente dalla DC Comics che farà compagnia ad Arrow, arrivato già alla terza stagione.

Il processo di ringiovanimento e semplificazione che ha “colpito” il franchise cinematografico di The Amazing Spider-Man sembra funzionare decisamente meglio nel pilot dedicato al supereroe più veloce del mondo. Ben ritmato e preciso nell’equilibrio tra azione e ironia, Flash ha proposto un primo episodio piuttosto divertente, condito da effetti speciali abbastanza efficaci. Come necessario la prima parte racconta la nascita del personaggio con la sua acquisizione involontaria dei superpoteri. Il tutto viene messo in scena senza perdersi in inutili lungaggini per arrivare al primo confronto con il villain di turno. Il protagonista Grant Gustin possiede la giusta dose di freschezza e ingenuità per vestire al meglio il costume rosso di Flash e anche i panni comuni del suo alter-ego Barry Allen. Accanto a lui un gruppo di giovani attori semisconosciuti – tra cui vogliamo segnalare l’avvenente Candice Patton – e il volto sempre simpatico di Tom Cavanagh, attore canadese che i fan di Scrubs ricordano sempre con piacere. The Flash andrà in onda su CW dal prossimo 7 ottobre.

Se dunque Flash ha convinto nel pilot e anche nel secondo episodio mostrato al posto di iZombie, altrettanto – ahinoi – non si può dire di Constantine, il detective-esorcista che deve vedersela col mondo del soprannaturale deciso a invadere la nostra realtà. Se anche il protagonista Matt Ryan dimostra di saper vestire con scioltezza i panni dell’antieroe, a non funzionare è il tentativo di mescolare commedia british, horror e introspezione in piccole dosi. Il pilot è un guazzabuglio di trovate che magari funzionano anche come scene sconnesse, ma che non costituiscono alla fine uno spettacolo coerente e, cosa più importante, coinvolgente. Anche la messa in scena è scarsa, a causa soprattutto di effetti speciali non propriamente di altissima qualità. Alcuni spunti per migliorare in corsa si intravedono, ma il pilot di certo non è stato tra i più travolgenti visti negli ultimi tempi per quanto riguarda le serie TV fantastiche. Ricordiamo che Constantine esordirà sulla NBC.

A chiudere la serata di anticipazioni sono state presentate al pubblico piuttosto entusiasta – notevoli i consensi ricevuti da una “guest star” in uno degli episodi presentati, non vi diremo chi per evitare dolorosi spoiler… – la serie d’animazione Teen Titans Go! e il trailer di Stalker, che avevamo già visto lo scorso autunno al New York Comic Con: interpretato dalla sempre magnifica Maggie Q e da Dylan McDermott, reduce dall’exploit della prima stagione di American Horror Story. La coppia pare ben assortita, ma il trailer non sembra promettere particolari originalità. Staremo a vedere…

© RIPRODUZIONE RISERVATA