Baby Yoda The Mandalorian

Adesso possiamo tirare un sospiro di sollievo, la golosità di Baby Yoda non ha determinato l’estinzione di un’intera specie. Era quello che i fan di The Mandalorian avevano temuto nei giorni scorsi, dopo una puntata della seconda stagione che aveva acceso dubbi e polemiche sul significato dello strano comportamento di Baby Yoda. 

Facciamo un passo indietro: nel secondo episodio della nuova stagione di The Mandalorian, la serie ispirata all’universo di Star Wars e disponibile su Disney+, il personaggio di “Frog-Lady” cercava di portare in un contenitore le sue uova a suo marito in modo che potessero essere fecondate, evitando così che la sua specie si estinguesse per sempre. Ma durante il tragitto Baby Yoda aveva iniziato a mangiarle di nascosto. Un gesto crudele, che secondo i fan la serie non aveva condannato abbastanza. E così su Lucasfilm era piovuta una tempesta di polemiche via social. Non solo: pochi giorni dopo l’uscita dell’episodio “incriminato”, è stato lanciato il nuovo Funko Pop di Baby Yoda che si appresta a mangiare le uova dal contenitore. 

Ma a mettere una pietra sopra le polemiche arriva ora il terzo episodio della seconda stagione, nella quale è chiaro che il controverso spuntino di Baby Yoda non aveva condannato tutte le uova. Nella nuova puntata, infatti, Frog-Lady riesce a trovare il marito che feconda con successo una delle uova: una scena mostra la coppia che guarda adorante la sua piccola creatura.

Certo, si tratta di un uovo solo: il motivo sarebbe che nella riproduzione di questa specie la femmina produce sì un gran numero di uova, ma il maschio è in grado di fecondarne solo una. Questa spiegazione, insomma, suggerisce che Baby Yoda non si è comportato da vero predatore rischiando l’estinzione della specie, ma che il suo è stato un gesto infantile e in accordo con la natura del pianeta di Frog-Lady. Scommettiamo però che il vespaio di polemiche sollevato dagli ammiratori di The Mandalorian risuoneranno a lungo alla Lucasfilm e nella memoria dello show runner Jon Favreau: con i miti come Baby Yoda, anche quando sono bambini, non si scherza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA