Sono state annunciate questa mattina le nomination agli European Film Awards 2019, i premi assegnati annualmente dal 1988 per celebrare l’eccellenza della produzione cinematografica europea. La cerimonia di premiazione di questa 32° edizione si terrà il 7 dicembre a Berlino.

E quest’anno, a tenere alto il nome dell’Italia con ben quattro candidature è Il traditore, che si porta a casa le nomination per il Miglior film, la Migliore regia a Marco Bellocchio, la Migliore sceneggiatura e il Miglior attore a Pierfrancesco Favino. Il film, lo ricordiamo, è anche stato scelto per rappresentare il nostro Paese alla 92° edizione degli Oscar nella categoria International Feature Film Award, dunque una vittoria agli EFA sarebbe certo un ottimo punto di partenza per la sua corsa agli Academy.

Ma quello di Bellocchio non è l’unico titolo italiano in gara: nella categoria Miglior documentario spiccano infatti anche Selfie di Agostino Ferrente e La scomparsa di mia madre, diretto da Beniamino Barrese.

Tra i maggiori titoli in corsa per gli altri Paesi, troviamo invece Dolor Y Gloria di Pedro Almodovar, Ritratto di una donna in fiamme di Celine Sciamma, L’ufficiale e la spia di Roman Polanski e La favorita di Yorgos Lanthimos.

Qui l’elenco completo:

MIGLIOR FILM

L’ufficiale e la spia di Roman Polanski

Les Miserables di Ladj Ly

Dolor y Gloria di Pedro Almodóvar

System Crasher di Nora Fingscheidt

La favorita di Yorgos Lanthimos

Il traditore di Marco Bellocchio

 

MIGLIORE SCENEGGIATURA

Pedro Almodóvar per Dolor y Gloria

Marco Bellocchio, Valia Santella e Ludovica Rampoldi per Il traditore

Robert Harris e Roman Polanski per L’ufficiale e la spia

Ladj Ly, Giordano Gederlini e Alexis Manenti per Les Miserables

Celine Sciamma per Ritratto di una donna in fiamme

 

MIGLIORE ATTRICE

Olivia Colman per La favorita

Trine Dyrholm per Queen of Hearts

Noemie Merlant, Adele Haenel per Ritratto di una donna in fiamme

Viktoria Miroshnichenko per Beanpole

Helena Zenger per System Crasher

 

MIGLIOR ATTORE

Antonio Banderas per Dolor y Gloria

Jean Dujardin per L’ufficiale e la spia

Pierfrancesco Favino per Il traditore

Levan Gelbakhiani per And Then We Danced

Ingvar Sigurdsson per A White, White Day

Alexander Scheer per Gundermann 

 

MIGLIOR REGIA

Pedro Almodovar per Dolor y Gloria

Marco Bellocchio per Il traditore

Yorgos Lanthimos per La favorita

Roman Polanski per L’ufficiale e la spia

Celine Sciamma per Ritratto di una donna in fiamme

 

PREMIO FIPRESCI

Aniara di Pella Kågerman e Hugo Lilja

Atlantique di Mati Diop

Blindstone di Tuva Novotny

Irina di Nadejda Koseva

Les Miserables di Ladj Ly

Ray & Liz di Richard Billingham

 

MIGLIORE COMMEDIA

Ditte & Louise di Niclas Bendixen

Tutti pazzi a Tel Aviv di Sameh Zoabi

La favorita di Yorgos Lanthimos

 

MIGLIOR DOCUMENTARIO

For Sama di Waad Al Khateab e Edward Watts

Honeyland di Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov

Putin’s Witnesses di Vitaly Mansky

Selfie di Agostino Ferrente

La scomparsa di mia madre di Beniamino Barrese

 

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

Buñuel in the Labyrinth of the Turtles di Salvador Simó

I Lost My Body di Jérémy Clapin

Marona’s Fantastic Tale di Anca Damian

The Swallows of Kabul di Zabou Breitman ed Éléa Gobbé-Mévellec

 

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

Dogs Barking at Birds di Leonor Teles

Reconstruction di Jiří Havlíček e Ondřej Novák

The Christmas Gift di Bogdan Mureşanu

The Marvelous Misadventures of the Stone Lady di Gabriel Abrantes 

Watermelon Juice di Irene Moray

Fonte: EFA

© RIPRODUZIONE RISERVATA