Prima del buio della sala, un film viene messo in buona luce agli occhi del grande pubblico grazie al marketing, con trailer, poster e idee per una promozione “virale” che puntano ad accaparrarsi l’interesse della gente in modo da far aumentare hype e aspettative nei mesi precedenti all’uscita nei cinema. A volte funzionano, a volte sono disastrose e altre, invece, sono fuorvianti, perché l’intera fase promozionale è fondata sull’inganno (in buona o cattiva fede che sia).

Esempi pratici di quanto stiamo parlando sono alcune star vendute all’audience come principali protagoniste dei film, che si scopriranno poi essere in realtà semplici pretesti per una svolta emotiva o potente all’interno del grande disegno di un’opera. In modo semplice, parliamo di attori e attrici uccisi dopo uno screen-time decisamente inferiore alle aspettative, come è stato per Bryan Cranston in Godzilla di Gareth Edwards o per Jim Carrey in Kick-Ass 2, film dove la presenza di nomi così altisonanti serviva essenzialmente ad aumentare lo star-factor. Le scelte in questione, però, sono decisamente coraggiose, perché si va comunque incontro al possibile disappunto dei fan, che ormai decretano il vero successo di un film.

Oggi, così, vogliamo riportarvi 10 coraggiosi film dove una delle star principali è stata uccisa nel corso del primo atto, in modo innovativo, violento, drammatico o funzionale. Eccola di seguito:

© RIPRODUZIONE RISERVATA