E non parliamo solo delle new entry che hanno fatto tanto rumore, soprattutto Jim Carrey. Parliamo anche della sicurezza con cui il trio del primo film torna a indossare i panni di Kick-Ass, Hit-Girl e The Motherfucker: abbandonato il peso della origin story, che obbliga a tratteggiare il proprio personaggio con approccio quasi didascalico, i tre sono liberi di improvvisare e di ricamare sull’interpretazione. Christopher Mintz-Plasse gigioneggia citando metà dei film di mafia e supercattivi che siano mai stati girati, Chloë Moretz è quella con l’arco narrativo più ampio ed emotivamente complesso, mentre Aaron Taylor-Johnson… be’, ci arriviamo con la…

… nona posizione!

© RIPRODUZIONE RISERVATA