Titolo traducibile con un amichevole “vecchio mio”, come nella tipica frase cameratesca: «Vecchio mio che mi hai rinchiuso sottoterra per vent’anni, ora ti sfondo il cranio con un martello».

Scopri la quarta posizione

Torna alla sesta posizione

© RIPRODUZIONE RISERVATA