David Carradine è morto. L’attore 73enne, protagonista maschile (Bill) dei due capitoli di Kill Bill, è stato trovato senza vita a Bangkok, dove si trovava per girare un film. Lo riferisce l’ambasciata americana in Thailandia, tramite il portavoce Michael Turner, che ha spiegato che l’artista è deceduto mercoledì sera tardi o alle prime ore di giovedì mattina. Turner non ha poi aggiunto altri dettagli, ma il sito del quotidiano The Nation, ha citato fonti di polizia anonime, secondo cui l’attore sarebbe stato trovato impiccato nella sua lussuosa stanza d’albergo, il Park Nai Lert Hotel di Wireless Road, e che probabilmente si sarebbe suicidato. A trovarlo sarebbero stati alcuni membri della troupe, preoccupati per non averlo visto a cena. L’agente di Carradine, Chuck Binder, ha quindi precisato che sono in corso indagini per accertare la causa della morte. Mentre la famiglia dell’attore non ha ancora rilasciato alcun comunicato ufficiale. David Carradine era figlio d’arte. Suo padre era, infatti, il celebre John Carradine (Ombre Rosse), una delle stelle degli anni d’oro del cinema americano. I primi successi di David Carradine risalgono agli anni Settanta. L’attore divenne famoso grazie alla serie televisiva Kung Fu. Si affermò ulteriormente con il ruolo di “Big” Bill Shelly nel film di Scorsese America 1929 – Sterminateli senza pietà del 1972. Viene ricordato anche per aver interpretato il cantante folk Woody Guthrie in Questa terra è la mia terra o quello di Cole Younger ne I cavalieri dalle lunghe ombre di Walter Hill. Recentemente aveva anche partecipato alla serie tv Streghe, nel ruolo di Tempus, e in Alias, nella parte di Conrad.

Alcune immagine di David Carradine

© RIPRODUZIONE RISERVATA