Mel Ferrer (vero nome Melchior Gaston Ferrer) è morto lo scorso lunedì all’età di 90 anni, nel suo ranch di Santa Barbara, California. Nato nel 1917  da un medico portoricano e da un’ereditiera americana, fu scrittore (suo il romanzo per ragazzi Tito’s Hats), giornalista, regista (del film The Girl of the Limberlost e di alcuni drammi teatrali tra cui Cyrano de Bergerac) e ballerino oltre che attore. Il primo ruolo importante arriva nel ’49 con La tragedia di Harlem di Alfred L. Werker. Seguirono molte altre pellicole, tra cui La seduttrice (’50),  Rancho Notorious (’52), Scaramouche (’52), I cavalieri della tavola rotonda (’53), Il sole sorgerà ancora (’57), Il giorno più lungo (’62), La caduta dell’impero romano (’64) e El Greco (’66). L’ultima apparizione di Ferrer sul grande schermo risale al 1989 con il film Eye of the Widow, diretto da Andrew V. McLaglen. Ferrer ha inoltre preso parte ad alcune serie tv, tra cui La signora in giallo. Il suo film più famoso rimane forse Guerra e pace (’56), che interpretò accanto all’allora moglie Audrey Hepburn (il loro matrimonio, da cui nacque nel ’60 il figlio Sean, durò dal ’54 al ’68). Ebbe altre quattro mogli e cinque figli.

Ev.An.

© RIPRODUZIONE RISERVATA