Nel week end di uscita di Piranha 3D negli Usa, ecco la news che annuncia il prossimo progetto di Alexandre Aja. Durante un’intervista rilasciata a Collider, il regista dichiara di essere al lavoro sulla trasposizione cinematografica di un manga giapponese di cui è fan fin da piccolo. Il manga in questione è Cobra: The Space Pirate, da cui, negli anni ’80, è stata tratta una serie animata di successo e un lungometraggio, conosciuto in Italia con il titolo Space Adventure Cobra.

«Sono cresciuto sognando con la serie di Cobra – dichiara Aja –. Finita la scuola correvo a  casa e accendevo la tv, e così come me facevano anche i bambini in Spagna, Italia e Germania. Per molte persone in quel periodo c’era solo Guerre Stellari, ma per me e per il mio cosceneggiatore, Gregory Levasseur, c’erano Guerre Stellari e Cobra. Sono sorpreso che in America non abbia avuto la stessa diffusione e lo stesso impatto che in Europa, dove è famosissimo. Ci sono 60 libri e molti episodi della serie tv, molte avventure che vedono protagonisti pirati e cattivi. Cobra è perfetto per essere reinterpretato in un nuovo franchise fantascientifico destinato alle nuove generazioni».

Molto probabilmente il film sarà in 3D e al momento Aja sembra sia in contatto con i creatori del mondo di Star Trek e di Avatar per costruire il mondo di Cobra. «Dovrebbe essere in 3D – aggiunge il regista –  la fantascienza e il 3D sono un buon mix. Inizierò presto a lavorare sullo script, ma le idee me le porto dentro da trent’anni… Ora stiamo parlando con i designer delle creature di Star Trek e di Avatar per costruire un nuovo mondo e per farlo nel modo giusto».

La storia del manga Space Adventure Cobra, creata da Buichi Terasawa nel 1977, è incentrata sulle avventure di Cobra, un pirata spaziale che vive una vita tranquilla fino a quando alcuni nemici iniziano a cacciarlo. Per nascondersi da questi nemici Cobra altera chirurgicamente il proprio volto e cancella la propria memoria. Ma un giorno comincia a riacquistare i ricordi e ritrova la sua amata Lady Armaroid.

© RIPRODUZIONE RISERVATA