La storia vera di Harvey Milk, primo omosessuale dichiarato a ricoprire la carica di consigliere comunale negli anni ’70, è ripercorsa da Gus Van Sant (Elephant, Good Will Hunting) in Milk (in sala dal 23 gennaio).  Nei panni del politico idealista che fu assassinato proprio a causa del suo orientamento sessuale troveremo Sean Penn, qui in una prova che potrebbe valergli la nomination all’Oscar.

Si attinge alla Storia anche nel “film-doppio” di Steven Soderbergh (Premio Oscar per Traffic) Che , sul rivoluzionario argentino Ernesto Guevara De la Serna più noto come Che Guevara. Diviso in due parti, che arriveranno in sala a un mese esatto di distanza, vede protagonista Benicio Del Toro che ha conquistato per questo ruolo la Palma d’oro come miglior protagonista maschile all’ultimo Festival di Cannes. Il 20 febbraio si partirà con L’argentino , sull’ascesa del giovane guerrigliero nella rivoluzione cubana, per concludere il 20 marzo con Guerriglia , sulla fase conclusiva della sua parabola con la rinuncia agli onori e la guerriglia in Bolivia.

E fa parte del palmares di Cannes anche il kazako Tulpan , premiato nella sezione un Certain Regard. A firmarlo è il regista esordiente Sergej Dvortsevoy che ci accompagna qui nella steppa kazaka insieme ad Asa, giovane militare appena rientrato nel suo villaggio che spera in un matrimonio con Tulpan, una fanciulla che di lui però proprio non ne vuole sapere…

Si ispira a una storia vera il film tedesco L’onda (in sala da marzo) di Dennis Gansel. Un professore vedrà sfuggirgli drammaticamente di mano la situazione creata nella usa classe in seguito a un ardito esperimento: spiegare la genesi di una dittatura attraverso l’uso di forme di cameratismo che comprendono anche una sorta di gesto di riconoscimento detto appunto “l’onda”.

Sarà l’ultima volta che vedremo sullo schermo Joaquin Phoenix (stando alle sue recenti dichiarazioni di voler lasciare il cinema per dedicarsi alla musica) quella di Two Lovers , storia romantica che lo vedrà protagonista insieme a Gwyneth Paltrow. L’attore sarà un giovane aspirante fotografo diviso tra la dolcezza della donna che i suoi genitori vorrebbero sposasse e l’erotismo della sua nuova vicina di casa.

Ken Loach firma una commedia a lieto fine con Looking for Eric , in cui il protagonista, abbandonato dalla moglie e incompreso dagli amici, risolverà i suoi problemi grazie all’intervento del suo mito Eric Cantona, stella del Manchester United qui nel ruolo di se stesso.

Il bestseller di Stieg Larsson, Uomini che odiano le donne arriverà anche al cinema con il film omonimo diretto dal danese Niels Arden Oplev. Un giallo tradotto in 35 lingue e capace di tenere incollati oltre 4 milioni di lettori grazie alla storia di Henrik Vanger, ricco industriale deciso a scoprire ad ogni costo la verità sulla scomparsa di sua nipote, di cui si è persa ogni traccia molti anni prima.

Al.Za.

© RIPRODUZIONE RISERVATA