Assegnati oggi alla Casa del cinema, alla presenza della regista Francesca Comencini e della protagonista Margherita Buy il premio Francesco Pasinetti per il miglior Film e per la migliore attrice e il premio pro life Gianni Astrei, assegnato dal Fiuggi Family Festival e dal Movimento per la vita. Il film, prodotto da Fandango che 01 Distribution farà uscire in 150 sale a partire dal 16 ottobre, è tratto dall’omonimo libro di Valeria Parrella e racconta la storia di Maria, insegnante di italiano alle scuole serali, che partorisce una bambina al sesto mese di gravidanza. Francesca Comencini ha ricevuto il Premio Pro life – Gianni Astrei ma, in polemica con gli organizzatori del riconoscimento, ha letto un comunicato che puntualizzava la sua distanza su temi come la vita e l’aborto. «Mi hanno molto colpito le motivazioni – ha sottolineato la regista – con le quali il premio è stato accompagnato. Il movimento per la vita è un esercito che combatte, seppure pacificamente, una battaglia che non è la mia». Comencini ha aggiunto anche: «Sono credente, di religione valdese. La mia fede non è contradditoria con una battaglia civile per una normativa laica sulla libertà di scelta delle persone per quanto riguarda la loro vita e la loro morte». Alle parole della regista Carlo Casini, europarlamentare e Presidente del Movimento per la Vita, ha risposto: «Sono sicuro che questo film salverà molte vite umane».

© RIPRODUZIONE RISERVATA