Questo articolo è stato pubblicato sul numero di Best Movie di agosto 2009

Un’astronave attraversa lo spazio con a bordo un manipolo di esseri umani che scandiscono un countdown che porterà all’annientamento della razza di un nuovo pianeta da colonizzare. L’anima di un uomo si distacca dal suo corpo durante un’operazione chirurgica in una realtà in cui la scienza ha scoperto l’esistenza del sistema endospirituale. Imponenti astronavi campeggiano in una Torino futuristica mentre la fine del mondo si avvicina. Sembrano scene di kolossal da milioni di dollari, e invece è quello che si vede in E.D.E.N. (15’, 35 mm, 2004), The Silver Rope (32’, Super 16, 2006) e Afterville (30’, Super 16, 2008), tre cortometraggi diretti da due giovani e sconosciuti registi italiani in grado di creare immagini davvero forti. Fabio Guaglione e Fabio Resinaro (classe 1981), ex compagni di liceo con in comune – oltre che il nome – la passione per i fumetti e la musica, senza soldi né esperienza, nel 2000 si cimentano nella regia con il thriller psicologico Ti chiamo io, che viene incluso da Mediafilm tra gli extra del Dvd The Pool.

Qui sotto il trailer di Afterville (in fondo alla pagina anche i corti Eden e The Silver Rope)

Dal 2002 cominciano a specializzarsi nella fantascienza e negli effetti speciali realizzando E.D.E.N. (due giorni di riprese, due anni di post produzione e circa 9 milioni delle vecchie lire di budget), seguito poi nel 2006 dal metafisico The Silver Rope (36.000 euro di budget, 11 giorni di riprese e 6 mesi di post produzione), entrambi vincitori di diversi premi in festival di tutto il mondo. Nel 2008 è la volta di Afterville (una produzione gigantesca con oltre 90 persone coinvolte e un ruolo anche per lo scrittore cyberpunk Bruce Sterling) che conferma la loro grande capacità visiva di interpretare il futuro e vince, come pure i primi due, molti riconoscimenti in vari festival di tutto il mondo, soprattutto esteri. «Grazie a The Silver Rope siamo stati chiamati dal Pifan Festival in Corea, uno dei festival più importanti al mondo per il cinema fantastico, dove ci hanno spesati di tutto e trattati da vere star!», spiegano i due orgogliosi, «mentre a Nantes, in Francia, dopo che la proiezione di The Silver Rope è stata accolta con applausi entusiastici, hanno fatto addirittura una retrospettiva dedicata ai nostri film, con un’orchestra in sala che accompagnava le proiezioni!».

E l’Italia? Resta a guardare, mentre la “più meritocratica America”, come loro stessi hanno sottolineato, gli ha già messo gli occhi addosso: «Ci hanno proposto di girare i remake di alcuni film come Il mostro della laguna nera. Ma noi abbiamo rifiutato. Perché, anche su consiglio di bravi manager, abbiamo deciso di lavorare su una strategia che ci porti a fare qualcosa che poi duri nel tempo. Ora stiamo lavorando su un paio di progetti. Uno è un film di fantascienza basato su uno dei nostri lavori, mentre il secondo è l’adattamento di un anime giapponese molto famoso». Non possiamo che augurarci di vederli presto al cinema!

Dove vedere i corti:
Afterville è trasmesso da Steel, canale di Mediaset Premium.
Eden e Silver Rope sono trasmessi da Mtv, e sono in streaming su www.qoob.tv. Per informazioni: www.thesilverrope.com o www.fabioandfabio.com.

Fabio Guaglione e Fabio Resinaro: oltre a dedicarsi alla regia di cortometraggi hanno firmato alcuni videoclip, tra cui quello dei Subsonica, L’ultima risposta (che è anche la colonna sonora del loro Afterville) e di Biagio Antonacci, Aprila e Tra te e il mare.

Guarda qui il corto Eden

Guarda qui il corto The Silver Rope

Avete girato un corto? Segnalatelo qui: redazioneweb@bestmovie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA