Una tuta grigia imbottita, puntini sul viso e green screen ovunque. «Mi hanno infilato in una tuta, mi hanno dato un range molto specifico di movimenti e dopo solo 10 minuti c’era già una versione rozza di Ultron sullo schermo ricreata dal computer». James Spader racconta la sua esperienza sul set di Avengers: Age of Ultron (qui la nostra recensione), in cui interpreta il villain Ultron.

A condividere il senso di disagio che indossare quelle tute comporta è Mark Ruffalo, alias Hulk, che spiega «quanto sia ridicolo indossare quei costumi che ti sformano», ma che sottolinea anche «quanto sia stato piacevole lavorare con un attore di grande esperienza e bravura come Spader», parere condiviso anche da Chris Evans e Robert Downey Junior.

Leggi anche: Avengers: AOU, il trailer dell’edizione Blu-Ray e Dvd

© RIPRODUZIONE RISERVATA