Leo Ortolani incontra il western: il 18 marzo esce per Panini Comics il primo numero di Matana, la nuova miniserie a fumetti dell’autore di Rat-Man ispirata proprio allo spaghetti western. Ortolani ha raccontato in anteprima i segreti di Matana nel nuovo appuntamento con i Best Movie Talks, insieme al nostro Giorgio Viaro, svelando come ha riletto in chiave comica il mito delle saghe western che hanno spopolato sul grande schermo tra gli anni ’60 e ’70.
 

Guarda qui il video completo dell’incontro!

«Il western l’ho sempre amato, soprattutto lo spaghetti western: il primo Dvd che ho comprato è Gli spietati con Clint Eastwood», ha raccontato Ortolani. «Quindi, quando ho pensato a una nuova miniserie, ho pensato di mettermi in difficoltà con i cavalli: se sbagli a disegnare una sola zampa, non riesci a rendere il loro movimento». 

Matana, che uscirà in sei numeri a scadenza mensile, si nutre dei classici riferimenti cinematografici di genere come, sottolinea Viaro, «la messa in scena del primo duello con la classica inquadratura sugli occhi alla Sergio Leone».
 
«La “Trilogia del dollaro” mi ha ovviamente ispirato, ma anche Django: mentre disegnavo, tenevo sempre sotto la colonna sonora di Luis Bacalov», ha raccontato Ortolani. «E poi I quattro dell’Ave Maria, un film che fa da spartiacque tra i western più seri e quelli che poi diventano più scanzonati». Naturalmente, l’attore feticcio della miniserie è Clint Eastwood, che compare trasformato nel personaggio di Speranza. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA