Dopo The Bourne Identity, The Bourne Supremacy e The Bourne ultimatum – Il ritorno dello sciacallo, la saga ha compiuto un brusco cambio di rotta. Matt Damon ha, infatti, “disertato” per il quarto capitolo, lasciando il testimone a Jeremy Renner in The Bourne Legacy. Un film che, però, non ha convinto lo zoccolo duro dei fan di Jason Bourne. Ma cosa manca per continuare questa saga di spionaggio? Quali sono i tasselli mancanti? A parlarne è proprio Matt Damon in un’intervista rilasciata a Deadline in occasione della promozione del suo nuovo film Promised Land: «Mancano un paio di cose. Innanzitutto Paul Greengrass deve volerlo fare e, secondo, ma non per questo meno importante, dobbiamo capire cosa vogliamo fare. Non abbiamo una storia. Una volta sono andato da Jonathan Nolan, perché lui e suo fratello Chris hanno fatto un lavoro incredibile per Batman e la mitologia di questo personaggio. Così gli ho chiesto se poteva metterci la testa, perché non sapevo come fare. Ci ha provato, ma non è riuscito neanche lui. Io e Paul [Greengrass] ne abbiamo discusso per anni e non ne siamo mai arrivati a una. Se riuscissimo, però, mi piacerebbe molto tornare in azione. Adoro Bourne. La ragione per fare questo film è che il pubblico lo vuole vedere. Non diamo per scontato che si sia creato un pubblico che ama Bourne. Questo è un privilegio».
Quindi cosa aspettate a inviare la vostra sceneggiatura al povero Matt Damon?

(Fonte: Deadline)

© RIPRODUZIONE RISERVATA